Home News Russia, 16enne stermina la famiglia e poi si suicida – VIDEO

Russia, 16enne stermina la famiglia e poi si suicida – VIDEO

CONDIVIDI

Il giovane killer ha massacrato la madre, la sorella, il fratellino e i nonni, per poi buttarsi da una torre per le telecomunicazioni. La Russia è sotto choc.

Prima ha sterminato tutta la sua famiglia – la madre, la sorella, il fratellino di soli 4 anni e i nonni – con un’accetta. Poi si è suicidato lanciandosi da una torre per le telecomunicazioni. L’orribile storia viene dalla Russia, precisamente da un villaggio della regione di Ulyanovsk, nella zona del Volga, e ha come protagonista un 16enne di nome Timerlan.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il giovane studente modello che ha terrorizzato la Russia

Secondo quanto ricostruito nelle scorse ore, il 16enne aveva un rapporto spesso conflittuale con sua madre, sua sorella e suo fratellino di 4 anni. Ed è proprio per questo, in un raptus di folle rabbia, ha preso un’accetta e li ha uccisi tutti e tre, per poi massacrare anche i nonni e, infine, togliersi la vita. La dinamica è in fondo la stessa di altre stragi che riempiono a cadenza regolare le pagine dei giornali, ma in questo caso una serie di dettagli e circostanze rende l’accaduto particolarmente inquietante.

Dopo aver fatto fuori i cinque parenti, Timerlan poi si è arrampicato su una torre per telecomunicazioni e si è gettato di sotto suicidandosi. “Ho deciso di lasciare questa vita e per non far stare male i miei familiari ho deciso di prenderli con me”, avrebbe lasciato detto in una nota prima di ammazzarsi, secondo una fonte citata dai colleghi dell’agenzia Interfax.

Prima ancora il 16enne, descritto come uno studente modello, aveva inviato un messaggio vocale a un amico lamentandosi per “i continui scontri” con sua madre, sua sorella e suo fratello. Nessuno però aveva portato che quella conflittualità potesse sfociare in una carneficina di simili proporzioni. E ora la Russia intera (e non solo) è sotto choc per quest’ennesima strage.

EDS