Home Idee di viaggio Come trovare un volo low cost: consigli e suggerimenti

Come trovare un volo low cost: consigli e suggerimenti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:05
CONDIVIDI

Come trovare un volo low cost. Le dritte e i trucchi per risparmiare sul costo del biglietto

Trovare un volo low-cost spesso è un’impresa che costa tempo e fatica, perché si cerca di coniugare al prezzo migliore le date e la meta più adatte alla vacanza. Seguire alcuni semplici accorgimenti può rendere più veloce e proficua la ricerca. Ma c’è da dirlo serve pazienza e un po’ di spirito di adattamento. Le compagnie low cost – sebbene siano sempre meno low cost -hanno scorporato il più possibile (bagagli a mano, scelta del posto, imbarco prioritario). Rinunciare a tutto ciò rende il biglietto decisamente più snello.

Trucchi per trovare un volo low cost a poco prezzo

Per risparmiare è necessario mettersi con pazienza davanti al pc e monitorare i prezzi dei voli. Ma tutto ciò va fatto per tempo. Se progettate un viaggio intercontinentale – ma vale anche per tutti gli altri – consultate i siti che riportano gli error fare flight, ossia gli errori delle compagnie aeree sui prezzi. Sembra incredibile ma si possono trovare delle ottime occasioni.

  1. il primo passo per trovare un buon volo è cercare sui siti che mettono a confronto le compagnie low cost e nazionali: volagratis, skyscanner e airfasttickets sono ottimi portali per avere informazioni sui voli più convenienti e sulle offerte più interessanti.
  2. Consultate in modalità incognito. Mettetevi in navigazione in modalità incognito quando vedete i prezzi delle compagnie.
  3. Moneta locale. Quando possibile provate a pagare con la moneta locale potreste avere delle piacevoli sorprese.
  4. Prenotare il prima possibile è come sempre una strategia vincente per ottenere il prezzo migliore. Iscriversi alle newsletter delle singole compagnie low cost, tuttavia, permette di godere di codici promozionali e sconti anche a pochi giorni dalla partenza.
  5. Volare durante il weekend costa più che negli altri giorni della settimana. La giornata di sabato, in particolare, è considerata statisticamente la più costosa per l’aereo poiché i voli sono affollati dai pendolari. Se l’unica possibilità di muoversi è nel weekend, tuttavia, si può puntare sugli ultimi voli del venerdì e magari tornare con il primo volo del lunedì; spesso le compagnie aeree low cost volano in orari ‘estremi‘ e, fuso orario permettendo, è possibile tornare in ufficio in orari per l’inizio della settimana di lavoro.
  6. Scegliere aeroporti secondari delle città (per esempio, Londra Luton o Girona) può alleggerire il costo del biglietto. Grazie a sovvenzioni per lo sviluppo commerciale, in questi aeroporti atterrano un gran numero di voli low-cost durante tutto l’arco della giornata. Inoltre, l’affollato traffico aereo garantisce frequenti ed efficienti collegamenti per il centro città. Prenotando in anticipo il transfer (spesso le singole compagnie si affidano a mezzi specifici), è possibile risparmiare denaro anche sul biglietto per il centro.
  7. Le compagnie low-cost spesso applicano cifre piuttosto alte per il trasporto del bagaglio nella stiva. Viaggiare con il cosiddetto hand luggage risolve il problema.
  8. I voli low-cost hanno lo svantaggio di imporre costose penali se si decide di cambiare orario o destinazione del volo. Se non c’è assoluta certezza riguardo a questi dati, si può stipulare un’assicurazione per recuperare parte dell’importo del biglietto qualora si cambiasse idea.

 

 

 

 

 

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedente“Mario Cerciello Rega non è un eroe, solo un incapace”, bufera sul giornalista
Articolo successivoTragedia di Corinaldo: arrestati sette ragazzi per omicidio preterintenzionale
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.