Carabiniere ucciso a Roma, parla Amanda Knox: “Sospendo il giudizio”

Sulla tragica vicenda del carabiniere Mario Cerciello Rega interviene anche l’ex studentessa imputata nel processo sull’omicidio di Meredith Kercher. Ed è subito polemica. 

Dopo aver appreso della tragica morte di Mario Cerciello Rega, il pensiero di molti è andato subito a lei, Amanda Knox. Poi anche sui media sono fioccati i paragoni con il caso che vide l’ex studentessa americana protagonista nell’ormai lontano 2007: l’omicidio di Meredith Kercher. E ora Amanda ha deciso di rompere il silenzio con un lapidario post su Twitter che, com’è facile immaginare, ha subito suscitato un acceso dibattito.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il messaggio di Amanda ai familiari del carabiniere

“Molti mi stanno chiedendo di questo caso. Tutto quello che posso dire è: sospendo ogni giudizio. Il processo dovrebbe svolgersi in un tribunale, non davanti al tribunale dell’opinione pubblica”. Così si legge nel tweet di Amanda Knox, l’americana prima condannata e poi assolta definitivamente (insieme a Raffaele Sollecito) per l’omicidio di Meredith Kercher a Perugia. Non ha altro da dire – almeno per ora – a proposito del fermo dei due ragazzi americani e sulla confessione di uno dei due indagati.

“In ogni caso – conclude Amanda – è una tragedia, il mio cuore è vicino alla famiglia della vittima”. Traduzione: è bene lasciare la parola ai giudici e non sbilanciarsi sulla vicenda. Ma in Rete, com’è facile immaginare, c’è chi insinua che le parole di Amanda celino una certa ambiguità e non esprimono una condanna abbastanza netta nei confronti dei suoi due connazionali. La polemica è solo agli inizi…

Many are asking me about this case. All I can say is: I’m withholding judgment. It should be tried in the court of law, not the court of public opinion. In any case, it’s tragic. My ❤️ goes out to the victim’s family.https://t.co/n6sh8lhluV

EDS