Meteo Spagna agosto 2019: dove e quando andare

spagna meteo agosto
Le temperature in Spagna previste per il 6 agosto

Le previsioni meteo per agosto 2019 in Spagna. Le temperature, quando e dove andare

L’estate 2019 si sta rivelando in Spagna, come nel resto di Europa, una stagione estremamente calda con intense ondate di calore proveniente dall’Africa, ma fortunatamente anche con qualche perturbazione fresca e perfino molto piovoso in alcuni settori. La Spagna è una Nazione con un clima molto vario ed è necessario conoscerlo per sapere quando andare e dove, quale città visitare in un determinato periodo dell’anno.

Agosto 2019 in Spagna sarà un mese molto caldo: dopo una pausa fresca e piovosa di fine luglio, tornerà il clima caldo e torrido. E’ prevista infatti una nuova ondata bollente soprattutto al Centro a Madrid e al sud, a Siviglia, ma ci saranno anche in queste zone alcuni periodi del mese di caldo meno intenso. In alcune regioni arriveranno le prime piogge, specie su tutto il Nord e i Paesi Baschi, a segnare il passo di fine dell’estate. Come sempre sulla costa – dalla Costa Brava alla Costa del Sol, da Barcellona a Valencia – il tempo sarà più ventilato e di conseguenza più fresco, così come sulle isole Ibiza, Maiorca e Formentera.

Meteo Spagna agosto 2019: dove farà più caldo

Agosto 2019 secondo le previsioni meteo in Spagna si annuncia un mese molto caldo, con massime che raggiungeranno in alcune zone i 40 gradi. Arriverà in Spagna infatti l’Anticiclone Africano che farà innalzare le temperature in tutto il Paese, ma soprattutto nelle regioni Centrali e in Andalusia. Chi andrà in vacanza a Madrid o a Siviglia e Granada se la dovrà vedere con il super caldo, specie nella prima metà del mese. Per chi andrà invece in vacanza in Costa Brava, ossia a Barcellona e in Catalogna, a Valencia, vicino Cadice e nelle Isole Baleari se la dovrà vedere con un caldo intenso, reso però più sopportabile dalla brezza marina che spezzerà il dominio bollente. Nessun problema per chi invece va nella Spagna del Nord: per quanto anche qui si registreranno temperature più elevate della media saranno comunque più che accettabili, sotto i 30 gradi.

Dal 1 al 10 agosto 2019:  Agosto inizia con il botto. L’inizio del mese si prevede infatti caldissimo, con valori da record  nella Spagna Centrale e meridionale. In Andalusia si attendono più di 40 gradi, 36 a Madrid. Nella Spagna del Nord invece il cielo sarà piuttosto perturbato e piovoso con massime che non andranno oltre i 24 gradi. Più fresco anche a Barcellona con massime di 30 gradi, mentre sulle Baleari un aumento termico fino a 34 gradi.

Dal 10 al 20 agosto 2019: l’Anticiclone Africano perde mordente e libera la Spagna centrale dall’ondata di calore. Le temperature  a Madrid diminuiscono di qualche grado, sebbene si mantengano più alte della media di un paio di gradi (massima intorno ai 33 gradi). In Andalusia invece l’influsso del caldo africano rimane e le temperature massima sono attese intorno ai 39 gradi. Migliora il tempo nella Spagna del Nord si prevedono cieli soleggiati e giornate calde fino a 29 gradi. Caldo anche nelle Baleari con massime intorno ai 33/34 gradi.

Dal 20 al 30 agosto 2019: il clima si fa meno bollente. Scendono le temperature a Madrid e nelle isole Baleari. Potrebbero sopraggiungere nella Capitale delle brevi perturbazioni. Non sono invece previsti grandi scossoni nel Nord della Spagna se non degli annuvolamenti con possibili piovaschi. Continuerà invece a fare molto caldo in Andalusia: a Siviglia le temperature si manterranno fra i 36 e i 38 di massima, ma le serate saranno più fresche con minime intorno ai 17/18 gradi.

 

Previous articleQuando andare in Spagna: i periodi migliori per ogni città e regione
Next articleQuando andare alle Baleari: il periodo migliore per ogni Isola
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.