Home News Jesolo, insulti alle vittime dell’incidente: “Se la sono cercata”

Jesolo, insulti alle vittime dell’incidente: “Se la sono cercata”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:16
CONDIVIDI
Doppio incidente jesolo morti
Due incidenti mortali a Jesolo, 5 le vittime – FOTO: viagginews.com

I quattro giovanissimi morti nell’incidente a Jesolo di qualche sera fa sono stati bersagliati sui social network, assurdo l’accanimento verso di loro.

Il drammatico incidente stradale avvenuto a Jesolo tre notti fa e che è costato la vita a quattro giovani (tre ragazzi ed una ragazza) ha avuto uno strascico estremamente spiacevole e doloroso. In questa tragedia, nella quale una seconda ragazza è invece riuscita a salvarsi, si riscontra la rabbia della madre di una delle quattro vittime, tutte ventenni. La donna, madre di uno dei giovani deceduti, ha scoperto con enorme dispiacere e rancore che i ragazzi morti in questo incidente sono stati tacciati di essere dei drogati, ubriachi ed irresponsabili. Come se un evento del genere non possa avvenire per circostanze sfortunate o per una tragica casualità. A parlare è la signora Milena Smaniotto, mamma del povero Leonardo Girardi, la quale dice che né il figlio e né tanto meno i suoi amici erano dediti a distruggere loro stessi con alcolici e stupefacenti, come invece qualcuno ha scritto senza cognizione di causa e senza conoscere il vero stato delle cose, sui social.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Jesolo, un altro incidente fatale avvenuto a breve distanza

Tutti questi poveri giovanissimi morti nell’incidente erano educati e rispettosi, non come tanti altri che si vedono in giro. Non come tanti altri che usano i social network per diffondere discordia ed odio. Come noto, sono state diverse altre le tragedie avvenute sulle strade italiane di recente. Sempre a Jesolo, a poca distanza dal luogo in cui si è verificato il dramma di cui sopra, un altro giovane è morto dopo essere andato a sbattere con la sua auto contro un platano. Ed in Sicilia, in provincia rispettivamente di Ragusa e Trapani, sono morti tre bambini, per l’irresponsabilità di adulti che mai e poi mai avrebbero dovuto mettersi al volante.