Home Meteo Meteo, ribaltone di luglio: temporali e temperature giù

Meteo, ribaltone di luglio: temporali e temperature giù

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:38
CONDIVIDI
@viagginews.com

Previsioni meteo per la seconda settimana di luglio 2019. Arriva il maltempo, finisce la grande ondata di caldo

Un netto cambio del tempo sta per configurarsi per la prossima settimana. Luglio 2019 si dimostra così come previsto dagli esperti del meteo un mese instabile con capovolgimenti di fronte e con – fortunatamente – meno ondate di calore. L’Alta Pressione che ancora domina il nostro Paese da fine giugno si è ridimensionata, ma ancora fa boccheggiare mezza Italia. Solo la prossima settimana avremo un ribaltone con temporali che rinfrescheranno l’aria.

Leggi anche -> Previsioni meteo agosto 2019: quando finirà l’estate

Quando finisce il caldo e dove pioverà a luglio 2019

Il weekend del 6 e 7 luglio sarà ancora bollente su buona parte della Penisola, ma da martedì 9 il tempo cambierà ovunque perché anche dove non pioverà si tornerà a respirare. Infatti è previsto non solo il passaggio di una corrente perturbata che porterà pioggia e temporali, ma anche la discesa di aria polare che abbasserà sensibilmente le temperature portandole almeno su valori più in nella norma.

Giugno è stato il mese più caldo della Storia e la buona notizia è che luglio non sarà dello stesso tipo. Martedì 9 luglio giungerà sull’Italia del Nord una perturbazione carica di pioggia. Inizieranno così dei piovaschi sull’Emilia Romagna, il Veneto e il Trentino. Nel corso della mattina il maltempo si rafforzerà diventando dei veri e propri temporali su Liguria, Emilia Romagna e parte del Centro, Toscana e Umbria. Nel corso della serata un nuovo peggioramento interesserà il Nord Ovest, il Piemonte, la Lombardia e ancora l’Emilia e il Veneto.

Mercoledì 10 luglio il tempo si manterrà instabile e nuvoloso al nord, mentre sarò il Centro e parte del Sud che se la vedrà con una giornata di forte maltempo: nubifragi su Marche, soprattutto le provincie meridionali, l’Abruzzo e la costa del Molise. Si temono fenomeni intensi per lo scontro fra l’aria caldissima al suolo e quella fredda in quota.

Le regioni tirreniche, soprattutto la costa, non dovrebbe essere interessata dal maltempo. Non si esclude che a Roma nella giornata di mercoledì possa piovere. In ogni caso anche nelle città dove non sono previste perturbazioni le temperature si abbasseranno. Infatti l’aria più fresca e i venti di Bora faranno scendere le colonnine di mercurio. Dove pioverà l’abbassamento sarà molto sostanzioso di 10/12 gradi, altrove più contenuto di 4/5 gradi. Le massime non supereranno i 30 gradi, le minime non andranno oltre i 20.

Se il sole tornerà poi a farla da padrone su tutta Italia, senza però un rialzo termico, al Nord il cielo si manterrà perturbato con possibili piovaschi. Insomma, il gran caldo ha le ore contate.