Chi era Mu’ammar Gheddafi: storia del politico libico

Mu'ammar GheddafiMu’ammar Gheddafi è stato un militare e politico libico, conosciuto per la lunga dittatura instaurata in Libia fino al suo decesso nel 2011. Scopriamo la sua storia.

Nato a Qsar Abu Hadi, in Tripolitania, nel 1942. Il giovane Gheddafi cresce in una famiglia modesta, facente parte della tribù dei Qadhadhfa, di cui si hanno ben poche notizie. All’età di sei anni, Mu’ammar rimane coinvolto in un incidente durante il quale perde due sui cugini e resta ferito ad un braccio, a causa dell’esplosione di una mina risalente al periodo bellico. Tra il 1956 e il 1961 frequenta la scuola coranica di Sirte e viene in contatto con le idee panarabe del Presidente egiziano Gamal Abd el-Nasser, alle quali aderisce con grande entusiasmo. Nel 1961 decide d’iscriversi all’Accademia Militare di Bengasi. Consluso il corso e, dopo aver svolto un periodo di specializzazione in Gran Bretagna, comincia la propria carriera nelle file dell’esercito britannico, ricevendo la nomina al grado di capitano all’incredibile età di 27 anni.

Mu’ammar Gheddafi, la salita al potere e i matrimoni

Fu la guida ideologica del colpo di stato militare che il 1º settembre 1969 portò alla caduta della monarchia (accusata di essere corrotta ed eccessivamente filo-occidentale) del re Idris I di Libia e del suo successore Hasan. Senza ricoprire stabilmente alcuna carica ufficiale, ma fregiandosi soltanto del titolo onorifico di Guida e Comandante della Rivoluzione della Gran Giamahiria Araba Libica Popolare Socialista, Gheddafi fu, per i successivi quarantadue anni, la massima autorità della Libia. All’inizio instaurò una dittatura militare; in seguito, avvicinandosi al socialismo arabo di Gamal Abd el-Nasser, proclamò la repubblica delle masse, basata su una nuova ideologia, da lui stesso teorizzata nel Libro Verde e nota come Terza Via Universale, che al tempo stesso rifiutava capitalismo e lotta di classe a favore di un socialismo di ispirazione nazionale. Tra il febbraio e l’ottobre del 2011 ebbe luogo la prima guerra civile in Libia che vide opposte le forze lealiste di Mu’ammar Gheddafi e quelle dei rivoltosi, riunite nel Consiglio nazionale di transizione. Il paese, dopo aver vissuto una prima fase di insurrezione popolare sull’onda della cosiddetta primavera araba conobbe in poche settimane lo sbocco della rivolta in conflitto civile. Gheddafi fu alla fine catturato e ucciso senza un regolare processo dai ribelli del CNT segnando con la sua morte, almeno formalmente, la fine della guerra civile.

Mu’ammar Gheddafi, i matrimoni

La prima moglie di Gheddafi, Fātiḥa, è un’insegnante, sposata nel 1969. Cronache del tempo raccontano come i due non si fossero mai incontrati prima della data dello sposalizio. Dalla loro unione nasce un solo figlio e, dopo sei mesi di matrimonio, Gheddafi decide di separarsi per sposare la seconda moglie Ṣāfiya Farkash, nata al-Brasai ed ex-infermiera di origini ungheresi.