Home News Pupo, donna bruciata in provincia di Arezzo: “È una mia amica”

Pupo, donna bruciata in provincia di Arezzo: “È una mia amica”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:02
CONDIVIDI
Pupo donna bruciata
Donna bruciata in provincia di Arezzo, è un’amica di Pupo (Getty Images)

Il cantante Pupo parla dell’episodio relativo ad una donna alla quale è stato dato fuoco in strada. È una disabile che lui stesso conosce.

Una vicenda molto grave si è svolta a Ponticino, accanto ad una gelateria di proprietà di Pupo. Ed il cantante toscano ha fermamente condannato quanto successo. Qui, una frazione del comune di Laterina Pergine Valdarno, in provincia di Arezzo, alcuni individui hanno dato fuoco ad una donna di 57 anni malata di morbo di Alzheimer. I responsabili sarebbero tutti giovani. La disabile è anche una amica di Pupo. Il Giornale di Arezzo riferisce che la signora stava tranquillamente passeggiando in strada quando ha subito questa aggressione. Per fortuna con lei c’era il marito, che è riuscito presto a spegnere le fiamme pur bruciacchiandosi un pò alle mani. Pupo ha detto in proposito che la vittima ed il consorte sono suoi amici. “E spero che chi abbia fatto questo possa essere presto identificato, deve capire quanto di grave ha compiuto. Il marito della donna ha sporto denuncia ai carabinieri. I militari intanto sono riusciti ben presto a scovare chi ha fatto questo, utilizzando anche le riprese delle telecamere del circuito chiuso di sicurezza installate in strada.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Pupo: “Gelato gratis a tutti se il responsabile chiede scusa”

Inoltre una grossa mano in ciò l’hanno data anche alcune testimonianze dei presenti che hanno assistito al tutto. Per l’autore materiale ci sarà da rispondere di lesioni dolose e probabilmente anche di altri reati. Pupo ha detto anche: “Se questa persona si pente e chiede scusa alla mia amica, offro il gelato a tutti”. Il maniaco è un pregiudicato che si trovava in permesso e che attualmente era sottoposto agli arresti domiciliari. Ora è stato tratto direttamente in carcere.