Home News Pamela Mastropietro, la mamma: “Mi hanno raccontato cosa faceva”

Pamela Mastropietro, la mamma: “Mi hanno raccontato cosa faceva”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:21
CONDIVIDI

Pamela Mastropietro, la mamma Alessandra Verni soddisfatta della sentenza, aveva spiegato: “Mi hanno raccontato cosa faceva”.

Pamela Mastropietro
(Facebook)

Nei giorni scorsi, è arrivata la sentenza del processo per la tremenda morte di Pamela Mastropietro, la giovane romana che è stata rinvenuta cadavere e fatta a pezzi a fine gennaio 2018 a Macerata, dopo essere scappata da una comunità di recupero per persone con problemi di tossicodipendenza. Condannato all’ergastolo Innocent Oseghale, accusato di omicidio volontario aggravato in quanto commesso nell’ambito una violenza sessuale, vilipendio, distruzione, occultamento di cadavere e violenza sessuale ai danni di una persona in condizioni di inferiorità psichica o fisica.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il racconto della mamma di Pamela Mastropietro

Una sentenza che ha soddisfatto Alessandra Verni, mamma della giovane romana, la quale ha commentato: “Fuori uno, adesso tocca agli altri”. Qualche mese fa, in un’intervista al ‘Resto del Carlino’, la mamma di Pamela Mastropietro mostrò ancora una volta la propria sofferenza, sottolineando come ancora vesta gli abiti della figlia: “Ogni giorno penso a lei, sempre. Rivedo il suo sorriso, l’ultimo che mi ha fatto. All’inizio andavo ad abbracciare il suo accappatoio, per sentirla ancora addosso”.

Quindi sottolinea che “aiutava sempre tutti, me lo hanno raccontato tanti suoi amici dopo” e ricorda alcuni di questi episodi dei quali Pamela Mastropietro si è resa protagonista: “Tanti episodi nei quali lei faceva di tutto per gli altri. In comunità ha salvato la sua compagna di stanza che si era tagliata le vene. Qui a Roma per un sacco di tempo ha aiutato un ragazzo che non aveva da mangiare. Ogni tanto la vedevo portarsi via il pane, ma a me non voleva dire per chi fosse. L’ho scoperto dopo. Era aperta con tutti e anche per questo più vulnerabile. Adesso questo ragazzo ha un lavoro e sta bene”.