Home News Pamela Mastropietro, chi era: storia della giovane uccisa a Macerata

Pamela Mastropietro, chi era: storia della giovane uccisa a Macerata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:08
CONDIVIDI

storia della giovane uccisa a MacerataIn questi giorni si sta tenendo il processo sull’omicidio di Pamela Matropietro: scopriamo qual è la storia di questa ragazza prima di diventare vittima del brutale assassinio a Macerata.

In queste ore si è tornati a parlare della tragica morte di Pamela Mastropietro. Da qualche settimana, infatti, è cominciato il processo ai danni di Innocent Oseghale, nigeriano accusato di aver ucciso la diciottenne romana e di aver fatto a pezzi il suo corpo per nascondere il delitto. Alle notizie riguardanti gli sviluppi del processo e quelle di approfondimento sul caso e sulle investigazioni, il 16 marzo si è aggiunta una notizia di cronaca: la fidanzata di Innocent Oseghale ha provato a suicidarsi tagliandosi la gola con un coltello. La donna che in un primo momento aveva preso le difese del compagno era chiamata a testimoniare durante il processo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Pamela Mastropietro, chi era: la storia della giovane uccisa a Macerata

Pamela era una ragazza di soli 18 anni che risiedeva a Roma con la famiglia. Aveva passato tutta l’infanzia e l’adolescenza a Ponte Lungo, in via Saluzzo. Qui, infatti, la madre ha un salone da Parrucchiera in cui la ragazza aveva mosso i primi passi lavorativi e fatto esperienza, nella speranza, un giorno, di seguire le orme della madre e poter aprire un suo centro estetico. L’adolescenza, però, non era stata così piana: negli anni del liceo Pamela aveva sviluppato una dipendenza da alcolici e droghe che l’aveva allontanata da chi le voleva bene (fidanzato compreso). Pamela, spinta dal ragazzo e dalla madre, cercava periodicamente di vincere quella dipendenza e già in diverse occasioni era andata in un centro di disintossicazione.

Prima della tragedia la diciottenne era già stata al Pars (centro di recupero per tossicodipendenti in provincia di Macerata) e già una volta era scappata dal centro per 5 giorni. La sera in cui è stata uccisa, Pamela voleva fare ritorno a casa, ma per una serie di coincidenze non è riuscita ad arrivare in tempo all’ultimo treno. Quanto successo quella notte è stato raccontato diverse volte e non è stato ancora chiarito del tutto. Ciò che è certo è che qualcuno ha prima approfittato della sua dipendenza e poi le ha tolto la vita prima che potesse vincerla.