Home News Ryanair vuole aiutare Alitalia a salvarsi: le proposte di Michael O’Leary

Ryanair vuole aiutare Alitalia a salvarsi: le proposte di Michael O’Leary

CONDIVIDI

Ryanair, il CEO Michael O’Leary, vuole aiutare Alitalia a salvarsi: ecco le proposte.

Volo Ryanair
Volo Ryanair (iStock)

Alitalia, la compagnia di bandiera italiana, vive camminando sul filo del rasoio. Un giorno si pensa che chiuderà i battenti per sempre, quello dopo invece si riaccendono speranze e sogni grazie ad interventi a sostegno provenienti dai personaggi più disparati. Ora, l’ultimo a voler aiutare Alitalia, è Michael O’Leary, CEO di Ryanair che, intervistato dal Corriere della Sera, ha dichiarato di voler aiutare Alitalia soprattutto nell’incremento dei voli intercontinentali anche se: “Per ora restiamo nelle retrovie”.

Leggi anche: Le migliori compagnie aeree 2018: Ryanair meglio di Alitalia

Michael O’Leary vuole aiutare Alitalia: “A noi le rotte secondarie”

Michael O’Leary ha spiegato che Ryanair potrebbe occuparsi (e vorrebbe) di tutte le rotte considerate secondarie da Alitalia, ossia quelle che partono da aeroporti italiani ed Europei meno quotati rispetto a quelli classici: “Loro si occuperebbero dei voli intercontinentali e di quelli verso l’Europa e le grandi città italiane, noi del resto”. Il CEO di Ryanair, comunque vada, è ottimista per il futuro di Alitalia perché, sostiene, la compagnia sopravviverà in ogni caso, piuttosto sarà il Governo ad aiutarla. Ma ci sono anche altri suggerimenti che arrivano prorio da O’Leary come quello di espandere le rotte di Alitalia sul lungo raggio, creando dei collegamenti diretti in Italia senza dove fare degli scali.

Ryanair in Italia: potenziamento rotte

Arriva poi la smentita del presunto acquisto di Alitalia da parte di Ryanair. Michael O’Leary ha dichiarato che loro sono la compagnia numero 1 nel paese e Alitalia la seconda quindi l’ipotesi di un acquisto diventa infattibile per via dell’Antitrust. Intanto però Ryanair ha grandi progetti per l’Italia: aumentare il numero di voli e trasportare più di 42milioni di persone all’anno. Investimenti importanti che verranno applicati essenzialmente su scali già importanti per Ryanair come Bergamo, Fiumicino, Malpensa, Sicilia e Puglia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI