Home News Napoli, manifestazione contro la camorra: c’è anche il figlio di un boss

Napoli, manifestazione contro la camorra: c’è anche il figlio di un boss

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:45
CONDIVIDI
manifestazione camorra napoli
Manifestazione contro la camorra a Napoli, c’è anche il figlio di un boss

Tra i manifestanti che a Napoli hanno detto basta alla camorra c’è stato pure il giovane figlio di un boss locale: “È una vita di me***, basta”.

A Napoli è andata in scena una manifestazione attuata da numerose persone per protestare contro la camorra. Ed a fare notizia è la presenza di Antonio Piccirillo, 23enne figlio di un boss locale. Lui con la malavita non ha mai voluto averci nulla a che fare ed anzi, ha urlato a gran voce in mattinata durante il sit-in ‘DisarmiAmo Napoli’ che “la vita del camorrista è una miseria, una mer**, ed i camorristi questo meritano”. Il cognome Piccirillo non pesa a questo ragazzo dalle idee chiare e che ha denotato grandissime determinazione e consapevolezza. Le sue intenzioni sono quelle di stare dalla parte della legalità e di debellare questo male della società alimentato anche dal suo stesso padre. “I nostri genitori ci hanno complicato la vita – dice il combattivo Antonio – vivere è impossibile per alcuni di noi. Abbiamo ricevuto dai nostri padri camorristi soltanto dei grossissimi disagi esistenziali”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Napoli, la manifestazione fatta in nome della piccola Noemi

Il giovane aggiunge: “Io personalmente sono stanco di essere etichettato come ‘il figlio di’. Io sono e voglio essere Antonio Piccirillo e desidero una vita sana e gioiosa per i miei figli, che sia fondata su dei valori autentici, veri ed onesti”. La manifestazione di Napoli contro la camorra è stata organizzata per reagire al drammatico episodio che ha riguardato la piccola Noemi. Si tratta di una bambina di nemmeno 4 anni rimasta gravemente ferita durante una sparatoria attuata per colpire un malavitoso, allo scopo di ammazzarlo in strada. Chi ha aperto il fuoco non si è curato del rischio di poter fare del male a degli innocenti e a dei bambini. E purtroppo è proprio quel che è capitato. Antonio dice ancora: “Non dobbiamo nasconderci: è normale voler bene ai nostri padri, ma se sono dei camorristi non ci procureranno altro che dolore. E chi fa soffrire così la propria famiglia non può essere considerato un bravo genitore”.