Aeroporto Fiumicino, blocco informatico per Alitalia: ritardi sui voli

Aeroporto di Fiumicino blocco al sistema informatico di Alitalia. Disagi e ritardi sui voli

Domenica di partenze al rallentatore all’aeroporto internazionale Leonardo da Vinci di Fiumicino a Roma, il più grande hub italiano e stesse scene di lunghe file al check in e voli in ritardo anche in altri aeroporti del centro-sud. Tutto ciò a causa di un problema tecnico al sistema informatico IBM utilizzato da Alitalia per gestire pressoché tutto: dagli imbarchi al sistema di prenotazione online. Il guasto si è verificato questa notte all’una e per tutta la mattinata di oggi ha creato gravi disservizi.

Imbarchi bloccati, aerei con passeggeri già a bordo che non potevano decollare, mal funzionalità del sito di Alitalia e ovviamente ritardi nelle partenze e negli arrivi. Questi alcuni dei disagi che si sono verificati stamane all’aeroporto di Fiumicino. Nel corso della giornata il personale Alitalia per permettere i check-in registrava i passeggeri scrivendo i nomi a penna. “Ibm, nostro fornitore di servizi informatici – si legge in una nota sui social della Compagnia di bandiera – sta riscontrando seri problemi tecnici che hanno bloccato diverse funzionalità del sito Alitalia e dei sistemi di prenotazione e acquisto online. Siamo al lavoro per ridurre il più possibile i disagi provocati e ritornare al più presto alla normalità”.

Alitalia ha attivato un numero verde gratuito (dall’Italia 800650055 – dall’estero 0039 06 65649) per chi necessitasse di informazioni sullo stato del proprio volo e sulle procedure da seguire.

Intanto la situazione sta lentamente tornando alla normalità. Dalle 11 di stamane i voli hanno iniziato a ripartire sebbene con ritardi di 60/90 minuti. In ogni caso i disagi hanno riguardato solo la compagnia Alitalia, tutto regolare invece nelle partenze delle altre compagnie aeree. La task force messa in campo dall’aeroporto di Fiumicino per consentire di ridurre al minimo i disagi ai passeggeri e non interferire con i piani voli delle altre compagnie ha dato i suoi frutti.

 

Previous articlePamela Prati, un amico: “Lasciatela stare, sta tanto male”
Next articleMeteo, arriva il freddo dal Polo Nord: quanto durerà
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.