Home Dove, come e quando Venezia, ticket e tassa di sbarco: come funziona

Venezia, ticket e tassa di sbarco: come funziona

CONDIVIDI

Al via la tassa di sbarco: si pagherà per entrare a Venezia. Come funziona il ticket

Della tassa di sbarco di Venezia se ne era parlato molto nei mesi scorsi quando la delibera era stata approvata dal Comune della città lagunare, non senza polemiche. Ora si sta delineando come sarà effettivamente per i turisti visitare la Serenissima e quanto dovranno sborsare per poter ammirare le sue meraviglie. L’estate 2019 trascorrerà tranquilla, ma poi dal primo di settembre chi arriverà nella città lagunare dovrà pagare. E dal 2020 la tariffa aumenterà e non sarà sempre uguale.

Leggi anche -> Venezia cosa vedere in 1 giorno: le 10 cose da non perdere

Ticket per entrare a Venezia: quanto costa

Venezia è una città unica al mondo ma è anche una città delicata che rischia per l’eccesso di turismo di essere danneggiata. Per questo il Comune della città ha ideato un ticket di accesso per mettere un freno ai tanti visitatori e per suddividerli nell’arco di tutto l’anno. Capitano infatti delle giornate particolari in cui camminare per le calle di Venezia è impossibile per via dell’affollamento. Un incubo per i residenti, quei pochi rimasti che resistono ad una città sempre più attrazione turistica e sempre meno fatta per viverci. Un incubo che gli abitanti si augurano finisca con il ticket di entrata.

Dal 1 settembre 2019 tutti i turisti che entreranno a Venezia dovranno pagare un ticket di ingresso di 3 euro. Poi dal 2010 la tassa sarà aumentata ed arriva a 6 euro con delle eccezioni. Ossia ci saranno giorni da bollino verde, rosso e nero. Nei giorni da bollino verde (con un flusso limitato di persone) il ticket sarà di 6 euro; nei giorni da bollino rosso (con un livello critico di afflusso) la tassa sarà di 8 euro; in quelli neri, ovvero con una presenza eccezionale di turisti, il costo di accesso sarà di 10 euro.

Il costo della tassa di ingresso a Venezia sarà applicato sui biglietti di tutti i vettori che giungeranno nella città lagunare. Sono esclusi tutti i residenti di Venezia ovviamente e si sta definendo un sistema che sappia riconoscere immettendo solo le generalità se si è meno residenti.