Home News Stasera in tv, Quarto Grado: anticipazioni del 29 marzo

Stasera in tv, Quarto Grado: anticipazioni del 29 marzo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:01
CONDIVIDI
anticipazioni del 29 marzo
(Screenshot Video)

Questa sera torna l’appuntamento con il programma di approfondimento sulla cronaca nera, Quarto Grado: anticipazioni del 29 marzo.

Come ogni venerdì sera l’appuntamento per la prima serata su Rete 4 è con il programma di approfondimento sulla cronaca nera condotto da Alessandra Viero e Gianluigi Nuzzi, Quarto Grado. In studio si approfondiranno due casi di cronaca nera attraverso dei servizi dedicati alle indagini ed allo sviluppo dei processi connessi alle indagini. In studio ci saranno opinionisti ed esperti che offriranno la propria opinione sui fatti, cercando di illustrare i casi in tutte le loro sfaccettature.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Quarto Grado: anticipazioni del 29 marzo

Il primo caso che verrà approfondito questa sera in studio è quello sull’omicidio di Marco Vannini. Recentemente, infatti, la corte d’Appello ha ridotto la pena ad Antonio Ciontoli, condannato per aver fatto partire il colpo di arma da fuoco che ha ucciso il fidanzato della figlia, per aver ritardato la chiamata ai soccorsi ed averli sviati sulla gravità del fatto. Nel processo di primo grado Ciontoli era stato condannato per omicidio di primo grado, mentre nella sentenza di secondo grado la condanna è stata cambiata in omicidio involontario, con relativa diminuzione della pena da 14 a 5 anni di reclusione. In studio saranno presenti i legali della difesa che si occuperanno di spiegare la controversa sentenza.

Il secondo caso approfondito nel corso della serata riguarda un fatto di cronaca recente: lo stupro di gruppo di una ragazza americana da parte di tre giovani catanesi. La giovane ha urlato loro di lasciarla in pace ed ha provato a contattare un amico per chiedergli aiuto. Dopo la violenza la ragazza ha cercato di contattare per 11 volte il 112 senza ottenere risposta. Il giorno seguente la violenza, il 17 marzo, ha denunciato gli aggressori con il supporto della famiglia che la ospitava.