Home News Studente morto, lo ha ucciso la tubercolosi: il caso a Torino

Studente morto, lo ha ucciso la tubercolosi: il caso a Torino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:38
CONDIVIDI
studente morto tubercolosi
Tubercolosi assassina a Torino, studente morto per via della malattia

Il caso di tubercolosi che è culminato con lo studente morto sta generando preoccupazione: in moltissimi erano entrati in contatto con il giovane iscritto al Politecnico del capoluogo piemontese.

Non ce l’ha fatta il giovane ammalato di tubercolosi. Lo studente è morto quest’oggi all’ospedale ‘Amedeo di Savoia’, dove si trovava ricoverato dallo scorso mese di febbraio dopo aver accusato i sintomi tipici della patologia che tante vittime fece tra diciannovesimo e ventesimo secolo. Anche la Asl del capoluogo piemontese ha confermato il decesso. Il ragazzo, 19 anni, era originario dello Sri Lanka e si ritiene che presentasse comunque i segni della tubercolosi già da prima del suo ingresso nel nosocomio per un ricovero che purtroppo alla fine si è rivelato essere inutile. I responsabili sanitari che hanno seguito il caso clinico dello studente morto hanno anche dichiarato che questa situazione è stata molto rara, anche se ci sono possibilità che si possano riscontrare delle situazioni potenzialmente letali. Come appunto è avvenuto in questa circostanza.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Studente morto, lo ha ucciso la tubercolosi

In totale si contano 250 individui che sono entrati in contatto con la vittima e che ora verranno tutte convocate per essere sottoposte a dei necessari test tubercolinici. Finora comunque non sono emerse altre situazioni di criticità. I controlli sono già cominciati ed andranno avanti fino a quanto tutti i soggetti non saranno stati analizzati a dovere. Lo studente era iscritto al Politecnico di Torino, e le persone che hanno avuto dei rapporti con lui e che sono stati sottoposti a questi test risultano essere quasi tutti suoi colleghi di studi. Il rettore Guido Saracco ha espresso cordoglio per questo caso, confermando che l’Asl sta lavorando come previsto in questi casi.