Home Dove, come e quando Meraviglie 2019: anticipazioni e luoghi della prima puntata

Meraviglie 2019: anticipazioni e luoghi della prima puntata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:27
CONDIVIDI

meraviglie puntate

Inizia il 12 marzo il programma ‘Meraviglie- la Penisola dei tesori’ con Alberto Angela. I luoghi della prima puntata

Si riparte nuovamente in giro per l’Italia, da Nord a Sud, per conoscere le bellezze del nostro Paese, l’unico al mondo a vantare 53 siti riconosciuti dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Alberto Angela con l’edizione 2019 de ‘Meraviglie, la Penisola dei tesori’ da martedì 12 marzo su Rai Uno ci porterà per 4 puntate a conoscere alcuni di questi siti Unesco. In ogni puntata verranno raccontati tre luoghi uno del Nord, uno del Centro e uno del Sud. Un totale quindi di 12 posti che saranno mostrati in ogni loro aspetto e raccontati anche da personaggi legati culturalmente o artisticamente a quei luoghi.

Leggi anche -> Meraviglie 2019: tutti i luoghi protagonisti delle quattro puntate

I luoghi della prima puntata di Meraviglie di Alberto Angela

Il viaggio alla scoperta delle bellezze del nostro Paese inizierà martedì 12 marzo alle 21.25 su Rai Uno. In ogni puntata Alberto Angela ci racconterà un luogo del Nord, uno del Centro e uno del Sud, tutti siti patrimonio dell’Unesco. I tre luoghi della prima puntata di Meraviglie sono: Mantova, piazza Navona a Roma e la Costiera Amalfitana.

La prima tappa di Meraviglie parte da Mantova, la città dei Gonzaga, perla del Rinascimento italiano. Questo centro della Lombardia, al confine con l’Emilia Romagna e il Veneto, è circondato da tre laghi artificiali, originati dal fiume Mincio, creati nel Medioevo per una strategia difensiva. Una condizione geografica che rendono tuttora unico questo luogo: sembra infatti che la città sorga dalle acque, creando una fortissima suggestione. Mantova poi spicca per la sua architettura rinascimentale voluta dai Gonzaga che qui hanno regnato per quasi quattro secoli. Alberto Angela ci porterà a Palazzo Ducale a vedere tra le altre la celebre Camera degli Ospiti affrescata dal Mantegna, poi a Palazzo Te con gli affreschi di Giulo Romano. Conosceremo meglio il 1500 attraverso la storia di una delle protagoniste indiscusse dell’epoca, Isabella d’Este.

Il secondo luogo d’Italia, patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, dove ci porterà Alberto Angela nella prima puntata di Meraviglie, è una delle piazze più famose del mondo: piazza Navona a Roma. Le telecamere di Rai Uno si accenderanno quindi per riprendere la celeberrima piazza, facendoci conoscere le sue origini dai tempi dei romani quando era uno stadio voluto dall’imperatore Domiziano a quando con le opere di Bernini e Borromini si è trasformata in un gioiello dell’arte Barocca. Potremmo così ammirare la Fontana dei Quattro Fiumi realizzata dal Bernini che si trova proprio di fronte alla Chiesa di Santa Agnese in Agone costruita su progetto del Borromini. Conosceremo meglio il rapporto fra i due architetti, i due geni rivali, che hanno fatto la Storia del Barocco.
A regalarci qualche aneddoto in più su questa piazza sarà Gigi Proietti, romano doc, che svelerà il rapporto speciale che lo lega a piazza Navona.

Ultima tappa della prima puntata di Meraviglie sarà la Costiera Amalfitana. Alberto Angela ci farà vedere da vicino Amalfi con il suo duomo e i suoi splendidi scorci, ma non solo ci farà scoprire anche il Parco Archeologico sommerso. Infatti Angela si immergerà nelle acque della baia per mostrarci i tesori dell’antica civiltà romana coperti oggi dal mare. A raccontarci qualcosa in più di questo straordinario luogo sarà un napoletano d’adozione, Renzo Arbore.

CONDIVIDI
Articolo precedenteJuventus – Atletico Madrid: i bianconeri passano il turno se…
Articolo successivoUomini e Donne: Teresa, nuovo confronto con Andrea poi lo sfogo
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.