Home News Enzo Iacchetti lancia la bomba contro Sanremo: “Io e Guccini scartati”

Enzo Iacchetti lancia la bomba contro Sanremo: “Io e Guccini scartati”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:01
CONDIVIDI

Il comico Enzo Iacchetti lancia la bomba contro il Festival di Sanremo e racconta: “Io e Guccini scartati con un brano sui migranti”.

Enzo Iacchetti
(screenshot video)

Il conduttore comico Enzo Iacchetti lancia una dura accusa contro il Festival di Sanremo, ospite dello studio di ‘Vieni da me’, condotto da Caterina Balivo. Mentre apre la cassettiera dei ricordi, l’ex di Maddalena Corvaglia si lascia andare a una pesante indiscrezione sul festival della canzone italiana, spiegando di essere stato scartato con un brano scritto per lui addirittura da Francesco Guccini. La ragione era la tematica del testo: i migranti.

Potrebbe anche interessarti –> Enzo Iacchetti: “Io e Maddalena Corvaglia? Un amore folle”

Il brano di Francesco Guccini per Iacchetti scartato a Sanremo

Queste le parole amare di Enzo Iacchetti: “La vergogna non è che sia stata scartata una canzone mia, ma una canzone scritta da Guccini sui migranti. Ci sarebbe da vergognarsi. Era una canzone sui migranti prima che scattasse l’emergenza”. Il riferimento è al brano dal titolo ‘Migranti‘, scritto dal cantautore di Pavana insieme al suo storico chitarrista, Juan Carlos “Flaco” Biondini, e dato quindi alle stampe nell’aprile 2018, dopo che il comico già lo aveva cantato insieme ai Musici, la band di Guccini che ne ha raccolto l’eredità musicale dopo la scelta di abbandonare le scene.

Quindi Enzo Iacchetti, che non è solito rilasciare molte interviste, racconta del padre: “Mio padre era bellissimo, alla mia età già non c’era più. Era meraviglioso. Parlate con i vostri figli, parlate con i vostri padri, perché poi quando mancano si perde l’opportunità. Mio padre lavorava, mia madre lavorava, mio fratello grande studiava, mio fratello piccolo era il cocco. E io ero quello con la chitarra, i capelli lunghi, la barba lunga. Non ero la pecora nera, ma mio padre non voleva che io facessi questo lavoro. Aveva tutte le ragioni del mondo dal suo punto di vista, molto credente e scandalizzato da quello che succedeva nel mondo dello spettacolo”.