Stasera la Superluna più grande dell’anno: come e quando vederla

stasera superluna
Superluna del 2018 a Roma, Terrazza del Pincio (ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Stasera la Superluna più grande dell’anno: come e quando vederla dall’Italia.

Siamo arrivati all’appuntamento astronomico più atteso, quello con la Luna più grande dell’anno, chiamata anche Superluna. Questa sera, infatti, il nostro satellite, nella fase di Luna piena, si troverà alla distanza minima dalla Terra, al cosiddetto perigeo, pari a 356.761 chilometri, per questo apparirà più grande del solito.

Il tempo sarà buono quasi ovunque, sull’Italia, a parte qualche annuvolamento sulle regioni tirreniche del Centro-Sud e sulla Sardegna, quindi il fenomeno dovrebbe essere ben visibile dalla gran parte delle regioni italiane. Ecco tutto quello che c’è da sapere e gli eventi in programma.

Ricordiamo anche che il 2019 è l’anno della Luna, perché ricorrono i 50 anni dello sbarco dell’uomo sulla Luna, avvenuto con gli astronauti americani dell’Apollo 11 il 20 luglio del 1969. Numerosi eventi saranno organizzati in prossimità di questo storico anniversario. Intanto godiamoci la Super Luna più grande dell’anno.

Leggi anche –> Cielo di febbraio 2019: appuntamento con la Super Luna

Stasera la Superluna più grande dell’anno

Oggi martedì 19 febbraio, potremo ammirare in cielo, a partire dal tramonto una Luna piena molto più grande del solito: una Superluna, il fenomeno che si verifica quando il nostro satellite tocca il perigeo, il punto più vicino alla Terra sul piano dell’orbita, e per questo motivo ci appare più grande e luminoso del solito. La Luna si troverà a 356.761 chilometri dalla Terra e sarà la Superluna più grande del 2019. Come spiega l’UAI, Unione Astrofili Italiani, “le dimensioni apparenti della Luna saranno, quindi, maggiori: la differenza di diametro rispetto a una Luna piena media sarà del 7%, e la luminosità del 30% in più”.

Tutti con gli occhi all’insù ad ammirare questo spettacolare fenomeno, tempo permettendo, che comunque dovrebbe essere ottimale all’osservazione in gran parte d’Italia. L’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope Poject dice che: “È un appuntamento da non perdere”.

Super Luna (Photo by Chris J Ratcliffe/Getty Images)

Oggi la Luna raggiungerà la sua fase piena alle 16.53 e sorgerà sull’Italia tra le 17.30 e le 17.45, a seconda della latitudine, prima al Sud. Potremo così iniziare ad osservarla dal tramonto, con il Sole che scenderà dietro l’orizzonte circa dieci minuti dopo. Quindi il fenomeno della Superluna sarà ben visibile dalle ore 18.00.

L’Unione Astrofili Italiani spiega che “ci saranno solo poco meno di 7 ore tra l’istante in cui la Luna si trova al perigeo, il punto di minima distanza dalla Terra, e la fase di Luna Piena”. Inoltre, va precisato che “le maggiori dimensioni della Superluna non sono così evidenti. La differenza del diametro angolare tra una Superluna al perigeo e una Miniluna all’apogeo è di circa il 14% (ed una differenza del 7% rispetto ad una Luna Piena ‘media’. La differenza di area e di luminosità della Superluna è di circa il 15% e del 30% rispetto alla Luna “media” e alla Miniluna. Il consiglio – spiega l’UAI – è di fotografare la Superluna e di confrontare l’immagine con altre riprese con la Luna all’apogeo, e quindi con minori dimensioni apparenti. Ricordiamo ad esempio l’eclissi totale di Luna del 27 luglio 2018, avvenuta con la Luna all’apogeo. La Luna Rossa dell’eclissi del 21 gennaio scorso era una Superluna. Un’altra Superluna si è verificata il 1° gennaio 2018″.

Nelle città italiane, associazioni di astrofili organizzeranno serate dedicate al nostro satellite per osservarlo in tutto il suo splendore, sotto la guida di esperti.

Segnaliamo anche l’evento sul sito web del Virtual Telescope Project, diretto dall’astrofisico Gianluca Masi, con immagini spettacolari e dettagliate del nostro satellite e una guida professionale a tutti i segreti e alele caratteristiche della Luna.

Ci sarà anche una diretta video in steraming su YouTube, a partire dalle 17.30 di oggi, martedì 19 febbraio.

A cura di Valeria Bellagamba