Home News Bambino ucciso, “Lui e Noemi a scuola con dei cappelli per coprire...

Bambino ucciso, “Lui e Noemi a scuola con dei cappelli per coprire i lividi”

CONDIVIDI
bambino ucciso Cardito
Il piccolo Giuseppe, il bambino ucciso a soli 7 anni a Cardito

Il racconto su Giuseppe, il bambino ucciso a 7 anni: “Lui e la sorellina andavano a scuola con un cappello in testa per nascondere i segni delle percosse”.

Continuano a spuntare fuori retroscena sul caso del bambino ucciso a Cardito, in provincia di Napoli. Il delitto, perpetrato dal 24enne compagno della madre, Tony Essobdi, si sarebbe consumato nella serata di sabato. Il piccolo Giuseppe di 7 anni è stato massacrato dopo un vero e proprio pestaggio, assieme alla sorellina Noemi di 8. Lei si è salvata, anche se ha orrende ferite al volto e si trova attualmente ricoverata al Santobono di Napoli. Essobdi ha confessato di essere lui il responsabile ed ora si trova in stato di fermo. Ed a ‘Pomeriggio Cinque’ Barbara D’Urso mostra la testimonianza in esclusiva di una donna i cui figli frequentano la stessa scuola dei poveri Giuseppe e Noemi. “I due bimbi avevano sempre la faccia piena di lividi. Spesso indossavano dei cappellini per nasconderli, ma le loro ferite erano comunque ben visibili. La scusa utilizzata era sempre la stessa: erano caduti. Invece era ben evidente che avevano subito delle percosse. Non conoscevo la loro mamma – afferma la donna – ma si notava che non stava bene”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Bambino ucciso, “La madre era presente ma non ha fermato il compagno”

Un amico di Essobdi rivela a sua volta alla D’Urso: “Lo conosco fin da quando era ragazzino. Trovo incredibile che abbia compiuto una cosa del genere. Era alla ricerca di una crema per tamponare i bimbi, poi quando ho visto che lo avevano ammanettato gli ho chiesto cosa fosse accaduto, senza ottenere risposta. Non sembrava in se, mi era parso assente”. Ma non è tutto. Il bambino ucciso avrebbe vissuto una agonia di almeno un paio di ore. La madre ed il patrigno avrebbero provato a medicarlo, dopo essere stato colpito a bastonate con una scopa. E la 30enne Valentina Caso sarebbe stata presente quando tutto ha avuto luogo, non facendo assolutamente nulla per fermare tutto questo né per aiutare il figlio una volta che questi era svenuto.