CONDIVIDI
Oms allarme malattia X
Websource

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) lancia l’allarme: sta per arrivare la malattia X. Vediamo di cosa si tratta.

Milioni di persone potrebbero essere a rischio nei prossimi anni a causa di una malattia di cui si conosce poco e nulla. Non si tratta di uno scenario apocalittico, ma di un allarme concreto che viene lanciato da chi giorno dopo giorno monitora ogni fattore riguardante la sanità e la salute delle persone. A mettere tutti sull’allerta ci ha pensato l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). E anche se, di anno in anno, questo tipo di previsione si è ripetuta, pare proprio che gli esperti non siano affatto ottimisti su ciò che potrebbe accadere in breve termine. E in un momento storico in cui si è radicalizzata la battaglia tra chi continua ad affidarsi a cure e vaccini e chi, invece, si è affermato nel nome del movimento ‘Novax’, i dati presentati dall’Organizzazione mondiale della sanità non possono lasciare nessuno indifferente.

Leggi anche -> Meningite, cos’è: sintomi, cura e trattamento della malattia potenzialmente letale

Oms, l’allarme che spaventa il mondo: “Arriva la malattia X, effetti imprevedibili”

Secondo quanto riferito dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), un evento a breve termine potrebbe scuotere la popolazione mondiale. Gli esperti danno per sicuro l’avvento di quella che viene chiamata ‘malattia X’. Cosa sarebbe? “Con questo termine vogliamo rappresentare che una seria epidemia internazionale può essere causata da un patogeno di cui al momento non conosciamo la capacità di causare malattie nell’uomo, e quindi la ricerca deve cercare di mettere in campo una preparazione ‘trasversale’ in grado di essere rilevante anche per una patologia sconosciuta”, hanno scritto gli esperti della commissione che ha stilato la lista delle malattie potenzialmente pandemiche per cui mancano ancora armi di difesa. Insomma, l’allarme è bello che lanciato. D’altronde, secondo l’Oms, degli oltre 1,6 milioni di virus presenti al mondo si ha conoscenza solo dello 0,1%. Gli esperti stimano tra i 631mila e gli 827mila quelli che potrebbero avere la capacità di infettare l’uomo.