CONDIVIDI

freddo gennaio 2019

Gelo sull’Italia, tanta neve al Centro Sud. Temperature in picchiata. Le previsioni meteo e fino a quando dura il freddo

Il 2019 è iniziato nel gelo. Come previsto dagli esperti del meteo si è abbattuta sull’Italia l’ondata di freddo intenso proveniente dal Polo Nord. L’aria è penetrata dalla Porta di Bora ed ha investito maggiormente le regioni adriatiche dove è caduta e continuerà a cadere abbondante neve. Ma è tutta l’Italia ad essere ghiacciata con temperature sotto lo zero pressoché ovunque, con punte verso il basso anche di meno 15 gradi!

La neve è caduta in Molise, Abruzzo, sulla Puglia rendendo incantevoli alcuni paesaggi come Matera e i Trulli di Alberobello, ma rendendo anche molto difficoltosa la circolazione con accumuli in alcune zone del Molise e della Basilicata intorno a un metro. Ghiaccio sulle strade in gran parte d’Italia con ovvi pericoli per gli automobilisti. Si raccomanda quindi prudenza e di non mettersi in viaggio se non necessario nelle ore più fredde.

Meteo, quanto dura il freddo di gennaio 2019

Per i meteorologi siamo entrati nel periodo più freddo dell’anno e di questo inverno 2019. Quella che stiamo vivendo ora è la prima ondata gelida dell’inverno e stando alle previsioni continuerà ancora per diversi giorni, almeno fino alla Befana. Per la giornata del 4 gennaio continuerà il grande freddo con temperature che rispetto ad appena una settimana fa saranno più basse di circa 15 gradi! A farne le spese maggiormente le regioni adriatiche, mentre gelate notturne sono attese nelle zone di pianura del Centro e del Nord.

Domani si registreranno le temperature più basse in tutta Italia dall’inizio dell’inverno, sarà quindi la giornata più fredda finora vissuta. Minime saranno negative quasi ovunque da Nord a Sud: Torino, Aosta e Bologna – 4; Milano e Venezia – 3; Trento e Bolzano – 11; Firenze – 3; Perugia – 4, Roma – 2; Napoli 1; Potenza e L’Aquila -7; Catanzaro – 4. Andrà meglio sulle Isole con Palermo 5 di minima e Cagliari 4.

Sabato 5 gennaio un leggero miglioramento sul fronte delle temperature massime che acquisteranno qualche grado, ma ancora tante nevicate su Abruzzo, Molise, Puglia e i rilievi campani e della Basilicata. Sole invece altrove che garantirà dei valori durante la giornata leggermente più tiepidi. Ma il giorno della Befana, il 6 gennaio, si rafforzerà nuovamente l’aria gelida da Nord Est con il fronte adriatico nuovamente interessato dal maltempo. Mentre il Centro ed il Nord avranno un giorno dell’Epifania con il sole per via dell’Alta Pressione che protegge dal maltempo. Temperature ancora però molto rigide nei valori minimi.