CONDIVIDI
terremoto etna
(screenshot video)

Terremoto ai piedi dell’Etna: non si ferma lo sciame sismico, anche stanotte due piccole scosse in provincia di Catania, a Ragalna.

La terra trema ancora in Sicilia, nella zona dell’Etna: ieri pomeriggio, una scossa di terremoto ha fatto tremare diverse zone del territorio siciliano. Il sisma è avvenuto alle ore 19:30 ed è stato di magnitudo 3.4, con epicentro tra Biancavilla, Ragalna e Zafferana Etnea. La popolazione ha avvertito il tutto in maniera netta.

Per saperne di più –> Terremoto, a Catania la terra trema ancora: paura tra la popolazione – FOTO

Le due scosse nella notte ai piedi dell’Etna

Stanotte, invece, si sono registrate altre due scosse, anche se di magnitudo inferiore a 3: la prima alle ore 00.28 di magnitudo ML 2.4 è avvenuta nella zona a 8 km da Zafferana Etnea. La scossa a una profondità di 1 km. Simile la magnitudo della seconda scossa, avvenuta alle 5.40 a 8 km da Ragalna e a una profondità inferiore addirittura al km. Anche queste scosse non hanno provocato danni.

Ciò che sembra evidente è che l’Etna è più sveglio che mai e l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia prosegue nella sua attività di monitoraggio. L’Ingv, nei giorni scorsi, non aveva escluso la possibilità che possano avvenire delle nuove eruzioni pure a bassa quota. La situazione, anche per questo, viene monitorata costantemente.

Leggi anche –> Terremoto Etna, l’INGV conferma: “Possibili eruzioni anche a bassa quota”

Leggi tutte le nostre notizie di viaggi, cronaca, attualità e curiosità anche su Google News