CONDIVIDI

Le luminarie di Bologna con la canzone di Lucio Dalla, L’anno Che Verrà.
La città di Bologna per Natale 2018 è prontissima. Ci sono infatti moltissime decorazioni di Natale che hanno addobbato tutta la città, ma quello che è successo di particolare è che in via D’Azeglio si è deciso quest’anno di creare delle luminarie uniche al mondo.

Leggi anche –> Natale 2018 a Venezia e dintorni: mercatini, eventi e appuntamenti imperdibili

L’anno che Verrà come luminarie di Natale a Bologna

In questa via infatti sono state installate le luminarie natalizie non con le classiche stelle o luci filanti, ma con delle scritte che riportano al testo di L’anno che Verrà di Lucio Dalla. Questo brano molto particolare scritto proprio da Lucio Dalla è molto intenso. La canzone scritta nel 1979 è stata inserita come ultima del suo quarto album intitolato proprio Lucio Dalla e considerato dalla critica come uno dei lavori migliori dell’artista. Nel tempo è diventata una delle canzoni più caratteristiche del cantautore bolognese.

Se volete rimanere aggiornate sulle mete più belle per Natale 2018 CLICCATE QUI.

Bologna, il significato de L’anno che verrà di Lucio Dalla

Il testo ha un incipit che recita: “Caro amico ti scrivo così mi distraggo” ed è diventato assolutamente uno dei più famosi della storia della musica italiana. Questa canzone è così una sorta di lettera che Lucio Dalla scrive parlando del mondo che gira intorno a lui. Un mondo complesso, un mondo difficile. Come ha dichiarato Lucio Dalla stesso, in questa canzone si crea un immaginario discorso con un amico lontano a cui Lucio Dalla racconta proprio come va il mondo. È una sorta di speranza che arriva per un futuro migliore. Un augurio. Infatti nel testo si dice “Sara tre volte Natale è festa tutto il giorno ogni Cristo scenderà dalla Croce anche gli uccelli faranno ritorno”. Sempre Lucio Dalla infatti ha dichiarato che questa canzone è molto gioiosa. Non ci sono miracoli, ma la cosa che possiamo fare come ha dichiarato il cantautore bolognese stesso è quello di cercare di non vedere sempre il nero, il terribile o le cose brutta attorno a noi. Ma di trovare sempre una luce e una nuova speranza.