CONDIVIDI

Anticipazioni sulle inchieste del 19 novembreStasera in tv torna Report, storico programma d’inchiesta di Rai 3, ecco alcune anticipazioni sui servizi di questa sera.

Lo storico programma d’inchiesta di Rai 3 ‘Report’ torna questa sera e  promette di far discutere ancora una volta. Dopo il servizio sulla Juventus relativo alla morte di Bucci (suicidatosi dopo aver ricevuto delle minacce) ed ai rapporti che la tifoseria della squadra più amata d’Italia intrattiene con la ‘ndrangheta, il programma della Rai ha fatto molto discutere. Sono stati molti i tifosi della Juventus che hanno criticato la scelta dei giornalisti di andare a scavare nel mondo del calcio, per di più gettando ombre sulla squadra più blasonata d’Italia, altri si sono addirittura spinti fino alle minacce ai danni del giornalista che ha realizzato il servizio, dimostrazione di come la passione calcistica travalichi qualsiasi ragionamento razionale.

Leggi anche -> Report: anticipazioni puntata del 5 novembre 2018

Leggi anche -> Suicidio Bucci, svolta della Procura dopo l’inchiesta di Report: il corpo sarà riesumato

Report, anticipazioni della puntata del 19 novembre

Critiche e minacce non hanno intimorito la redazione di ‘Report’ conscia del buon lavoro fatto sul caso Bucci e della portata delle rivelazioni sul rapporto mafia-calcio trapelate grazie alle investigazioni sullo stesso. I dubbi sul suicidio dell’ex tifoso, supportati dalle prove telefoniche hanno infatti convinto la Procura a riaprire il caso e a riesumare il cadavere di Bucci per un esame autoptico che esclude definitivamente l’ipotesi omicidio.

Forti di questo risultato i giornalisti Rai hanno indagato ulteriormente sulle relazioni tra la mafia ed il calcio e nella puntata di oggi mostreranno qualcosa su un’altra squadra blasonata. Ad annunciarlo è stato lo stesso conduttore di ‘Report’ in un’intervista concessa pochi giorni fa al programma radiofonico ‘Marte Sport Live‘ in cui ha dichiarato: “Siamo dei privilegiati perché negli anni ’70 quando parlavi male di qualcuno ti sparavano direttamente. Al di là dei social che stanno impazzendo, la cosa che deve far riflettere è che lo stadio è considerato una zona franca in cui viene consentito ciò che altrove non è permesso. Lunedì parleremo di Napoli a Report, non vi dico altro”.

Leggi le nostre notizie anche su Google News