CONDIVIDI
giuseppe conte
(screenshot video)

Manovra economica e Def, il governo Conte lancia “il guanto di sfida alla vecchia Europa”, lo ha affermato il ministro Paolo Savona.

Qualche giorno fa, sulla bacheca Facebook di Daniele Lazzeri, direttore del think tank e rivista ”il Nodo di Gordio”, è apparso un post che ‘riprendeva’ una frase che l’autore attribuisce al ministro Paolo Savona. L’economista gli avrebbe scritto: “Senza una forte volontà politica non si sarebbe potuto fare nulla. Abbiamo lanciato il guanto di sfida alla vecchia Europa, ora dobbiamo vincere la guerra, perché guerra sarà. Allora bisognerebbe cominciare ad imparare a leggere prima di sparare idiozie su ciò che non si è capito. Grazie e buon lavoro. Paolo”.

Leggi anche –> Pensioni, flat tax e reddito di cittadinanza: le parole del premier Conte al Senato

La reazione alle parole di Paolo Savona sulla manovra economica

Augusto Grandi, economista e collaboratore del Sole 24 Ore, osserva che bisogna pesare le parole del ministro Savona: “L’Europa è il nostro futuro, mentre la vecchia Europa è la zavorra per la costruzione di qualsiasi nuova realtà. Dunque la sfida è rivolta agli euro cialtroni, ai burocrati, ai servi dei banchieri e degli speculatori. A quella banda capeggiata da Moscovici impegnata a distruggere il popolo italiano”.

L’economista riflette ancora in un suo intervento: “Quanto alla guerra, Savona sostiene che “guerra sarà” poiché è perfettamente consapevole che saranno i poteri forti a scatenarla contro un’Italia in cerca di libertà e di riscatto. La consapevolezza di dover lottare non è una ricerca dello scontro ma solo la messa in guardia contro un’offensiva che è stata immediata e che ha portato all’aumento dello spread e ad un crollo della Borsa. Ma se l’alternativa è la povertà in salsa greca, la guerra sarà giusto combatterla”.

Leggi anche –> Ultimi sondaggi, Lega e 5Stelle crescono: piace la manovra economica

Leggi tutte le nostre notizie di viaggi, cronaca, attualità e curiosità anche su Google News