CONDIVIDI
lega e 5Stelle crescono
(Websource)

Secondo gli ultimi sondaggi la Lega ed il Movimento 5 Stelle continuano a guadagnare consensi tra l’elettorato, decisiva per i pentastellati l’approvazione della manovra economica basata sulla sussidiarietà.

Questi primi mesi di governo hanno mostrato che il lavoro fin qui svolto da Lega e M5S è gradito alla maggior parte degli italiani. Se il primo periodo è stato decisamente favorevole al carroccio che, spinto dalla presenza assidua di Salvini, ha quasi raddoppiato i propri consensi passando dal 17% al 32 %, quest’ultima settimana ha fatto segnare una crescita nei consensi anche da parte del Movimento 5 Stelle (in calo in questi mesi dopo l’approdo a Montecitorio). L’apprezzamento degli elettori verso i 5 Stelle è da attribuire sopratutto all’approvazione della manovra economica che prevede l’introduzione del tanto atteso Reddito di Cittadinanza a cui si aggiunge la Pensione di Cittadinanza.

Leggi anche -> Reddito di cittadinanza, come funziona: bancomat o app per spendere i soldi

Ultimi sondaggi: continuano a crescere i consensi per la Lega ed i 5 Stelle

Lega e 5Stelle crescono
(Screenshot Video) Tg La 7

Indicativo in tal senso il parallelo tra i sondaggi di settimana scorsa e quelli di questa settimana del Swg (realizzati per il tg di La 7), in questi infatti si nota come i consensi nei confronti del movimento di Grillo sono cresciuti dell’1,2% in soli 7 giorni, riportando il partito di maggioranza a ridosso del 30%. In prima posizione permane invece la Lega (stabile intorno al 32%) che guadagna questa settimana lo 0,2%. Male il PD, il partito di centro sinistra ha subito un ulteriore flessione (-0,6%) scendendo sotto la soglia del 16%, e Forza Italia (attestatasi al 7,3% con una flessione dell’1% rispetto a settimana scorsa) che non riesce a riprendere consensi nemmeno con l’annuncio del ritorno in campo di Silvio Berlusconi. Nello stesso sondaggio gli intervistati che si sono espressi favorevolmente nei confronti della manovra sono il 35% mentre quelli contrari sono stati il 31%, il restante 34% ha preferito non esprimersi a riguardo.

Leggi le nostre notizie anche su Google News