CONDIVIDI
Serle
(Websource)

Serle, bambina scomparsa: spari di fucile contro i volontari che la cercano. 

Ha davvero dell’incredibile quanto avvenuto nei boschi intorno a Serle in provincia di Brescia. Sono i luoghi nei quali è scomparsa la piccola Iuschra, una bambina affetta da autismo allontanatasi e sparita nel nulla durante una gita. Da mesi ormai gruppi di volontari la cercano in quei luoghi nonostante l’esito delle ricerche sia sempre stato infausto e nonostante in molti, compresa la famiglia della bimba, propendano per l’ipotesi del rapimento. E proprio questi coraggiosi e ammirevoli volontari ieri sono stati incredibilmente presi di mira da alcuni cacciatori che, dopo averli scambiati per animali, hanno sparato colpi di fucile contro di loro fortunatamente senza ferire nessuno. Cacciatori presenti sul posto nonostante in tutta quell’area sia vietata la caccia proprio a causa delle ricerche in corso della bimba, una grave violazione da parte loro e un’immane mancanza di rispetto nei confronti di una povera bambina e della sua famiglia. Come se tutto ciò non bastasse questi cacciatori hanno anche colpito e abbattuto un drone dei vigili del fuoco che sorvolava la zona per provare a trovare tracce della bambina. Insomma una vera e propria follia che meriterebbe una punizione esemplare, ma che come sempre accade in Italia passerà sotto silenzio o quasi.

Per approfondire leggi anche — >Serle, bambina scomparsa: svolta nelle indagini, si riaccende la speranza

Leggi anche –> Serle, bambina scomparsa: sottovalutato il rischio di fuga delle persone autistiche