CONDIVIDI

Il 23 settembre 2018 è il giorno perfetto in cui il giorno dura quanto la notte

L’autunno meteorologico è iniziato il 1 settembre, ma quello astronomico inizia oggi, 23 settembre. Per essere precisi l’autunno astronomico 2018 è cominciato alle 3.54 italiane del 23 settembre. Oggi è quindi l’equinozio d’autunno e dopo mesi la durata del giorno e della note si equivalgono (da cui il termine equinozio, ossia dal latino aequus -uguale- e nox – notte).

In questo giorno, come accade anche nell’equinozio di primavera, la terra viene colpita dai raggi del sole in modo perpendicolare all’asse di rotazione terrestre. Ciò significa che l’emisfero settentrionale e quello meridionale sono colpiti dai raggi con la stessa inclinazione e che la linea immaginaria, che divide la parte illuminata da quella al buio del globo, passa esattamente a metà del Polo Nord e del Polo Sud. In realtà l’esatta metà di luce e notte si raggiunge qualche giorno dopo l’equinozio, ma questo è il momento in cui avviene a livello astronomico.

Leggi anche -> Quando entra l’ora solare 2018

Equinozio d’Autunno: giorno e notte uguali

Una delle caratteristiche dell’estate che più si ama è la lunghezza delle giornate. Il sole tramonta molto tardi, consentendoci così passeggiate e cene in spiaggia; ma mano a mano che ci avviciniamo alla fine dell’estate le giornate si fanno sempre più corte, ricordandoci l’inesorabile fine delle vacanze. A settembre, per quanto il tempo possa essere caldo e clemente, le giornate sono brevi e ormai alle 19 il sole già tramonta.

Il giorno dell’equinozio d’autunno abbiamo il bilanciamento fra la lunghezza del giorno e della notte. D’ora in poi avremo giornate sempre più brevi e notti più lunghe fino ad arrivare al solstizio d’inverno in cui la notte sarà più lunga del giorno.

Ciò perché nei prossimi mesi il nostro emisfero settentrionale si inclinerà sempre di più rispetto al sole e i suoi raggi arriveranno con un’inclinazione tale da creare più buio che luce. Il contrario, ovviamente, succederà nell’emisfero meridionale che da oggi in poi si inclinerà sempre più verso il sole andando verso la sua estate. Come sappiamo quando noi festeggeremo il Natale con la neve e le sciarpe in Australia lo festeggeranno in spiaggia e in costume. L’alternanza delle stagioni è dovuta infatti all’inclinazione dell’asse della Terra e non dalla lontananza dell’orbita.

Continua a leggere le nostre notizie: seguici su Google News!