CONDIVIDI
lino banfi
(screenshot video)

Il dramma di Lino Banfi: “Mia moglie? E’ ancora malata, ma ha sorriso”, c’è una buona notizia, spiegano i medici che la seguono.

Lino Banfi tira un sospiro di sollievo per la moglie Lucia. “A volte mi chiede come farò quando lei non sarà più in grado di riconoscermi. E io, per tranquillizzarla, le rispondo che ci ripresenteremo un’altra volta”, queste le parole dell’attore pugliese, che in un’intervista al ‘Messaggero’ qualche settimana fa ha rivelato il dramma familiare che sta vivendo.

VIDEO NEWSLETTER

Per saperne di più –> Il dramma di Lino Banfi: “Mia moglie sta malissimo, non mi rassegno”

Lino Banfi: il rapporto con la moglie e con la sua terra di origine

La donna oggi sta meglio ed è lo stesso Lino Banfi a spiegarlo in un’intervista al settimanale ‘Nuovo’: “Lucia sta passando un periodo molto difficile per problemi di salute a livello neurologico. Adesso, grazie soprattutto all’affetto di tutta la mia famiglia, sta meglio: l’ho vista ridere e mi ha fatto molto piacere. Il professore che la segue nelle cure ci ha detto che è molto importante che accadano cose belle in modo da farla star bene psicologicamente”.

Quindi è bastato quel sorriso a rinfrancare l’animo di Lino Banfi rispetto alle condizioni della moglie. In queste settimane, l’attore ha voluto starle vicino: “Ho rifiutato un film in Germania perché sarei dovuto rimanere troppo fuori casa. Non me la sento di lasciare Lucia sola per lunghi periodi. Il legame tra me e lei è qualcosa di indescrivibile: dura dai tempi in cui eravamo due ragazzini di Canosa di Puglia. Lei era una parrucchiera, io un giovanotto col pallino della recitazione. La cosa che mi fa rabbia è che, dopo anni di sacrifici, avrei voluto trascorrere serenamente la vita insieme a Lucia. Per questo ho preso una casa a Cannes, ma è difficile star lì con mia moglie: credo che la venderò”. Inoltre, la Puglia resta nel cuore dell’attore: “Torno sempre in Puglia, anche perché a Canosa vive mia sorella Sabina, una zitellona di 90 anni. Ci torno spesso per stare con lei e con i miei nipoti. Poi seguo “Bontà Banfi”, il mio nuovo progetto imprenditoriale legato ai prodotti tipici pugliesi. A Roma invece, un anno fa, abbiamo aperto un’orecchietteria dove in questo periodo è impegnata mia figlia Rosanna”.

Potrebbe anche interessarti –> Apre il ristorante di Lino Banfi: un menù da ridere