CONDIVIDI
paura-volare-trucchi-superare-ansia-aereo
iStock

Tre trucchi per sconfiggere la paura di volare e gli attacchi d’ansia in aereo: ecco come fare

La paura di volare è una sorta di terrore che colpisce le persone più disparate. Non è detto che uno debba avere una particolare propensione per l’ansia o soffrire di vertigini: la paura di essere sospesi in aria è, tra virgolette, democratica perché può colpire veramente chiunque. Tanti sono gli attori, gli artisti, le star internazionali che hanno raccontato senza timore delle loro paure. Basti pensare a Margherita Buy o Ambra Angiolini che hanno raccontato più volte l’esigenza di andare addirittura in cabina insieme al pilota prima della partenza per controllare che fosse tutto a posto. Un controllo assolutamente irrazionale perché non si hanno le conoscenze aeree per capire se va tutto bene oppure no, eppure loro in qualche modo hanno trovato un metodo per rilassarsi. Non è solo questo però il modo per superare la paura di volare, ci sono alcuni trucchetti che possono essere messi in pratica è che daranno un po’ di sollievo dall’ansia.

Come superare l’ansia di volare

Vediamo quindi insieme quali sono i trucchi per combattere la paura di volare:

  • Scrivere con la mano non dominante: sembra assurdo, ma concentrare il cervello a scrivere con la mano sinistra se siete destri o con la mano destra se siete mancini, riuscirà a farvi distrarre talmente tanto che se siete in preda ad un momento di panico per il volo vi darà il giusto sollievo.
  • Un altro suggerimento è quello di cercare di immaginarsi altrove. Cioè, è inutile cercare di sfidare la paura guardando dal finestrino: chiudete gli occhi e fate una sorta di esercizio mentale che vi porta a visualizzarvi altrove. Queste tecniche sono fondamentali per non cadere in un attacco di panico.
  • Occhio poi anche alla respirazione perché fanno bene i respiri profondi per calmare magari la tachicardia, ma attenzione a non farli troppo profondi. Meglio concentrarsi sul respiro in maniera regolare, dolce e non troppo profonda perché potresti andare in una sorta di iperventilazione al contrario e farvi venire un attacco di panico.
  • Un ultimo suggerimento è quello di cercare di controllare i pensieri perché infilarsi in un tunnel in cui ci immaginiamo morti in ospedale o alla ricerca di un giubbotto di salvataggio per un atterraggio di emergenza, sono tutti i pensieri che non fanno altro che aumentare il nostro stato di ansia. Meglio quindi concentrarsi sulle cose belle che abbiamo, su che cosa ci aspetta di meraviglioso dopo quel volo e quindi puntare molto alla positività.