CONDIVIDI
Palermo: avvelena i bambini con la zuppa e tenta il suicidio dopo una lite col marito
(Screenshot Video)

Ieri sera a Palermo una donna di 35 anni ha cercato di uccidere i due figli piccoli e di suicidarsi dopo aver avuto una violenta lite con il marito.

Una donna di 35 anni proveniente dallo Sri Lanka ha preso una decisione estrema dopo aver litigato violentemente con il marito. Conclusa la lite, infatti, la donna si è messa ai fornelli ed ha preparato una zuppa a base di semi di Oleandro (i quali contengono una forte dose di veleno), quindi l’ha somministrata al figlio di un anno ed infine l’ha ingerita lei stessa. Ad accorgersi del tentato omicidio-suicidio è stata la madre della donna che ha immediatamente chiamato il 118 per scongiurare un’immane tragedia.

Leggi anche -> Uccide l’ex fidanzata con un’ascia, poi le salta sullo stomaco per uccidere il bimbo in grembo

Leggi anche -> Busto Arsizio, marito uccide la moglie e si impicca: la figlia ritrova i corpi

Mamma avvelena i figli e tenta il suicidio, la nonna salva loro la vita

Dopo la chiamata della donna, i soccorsi sono giunti nell’appartamento in via Littaria, nel quartiere Zisa di Palermo, ed hanno portato i figli della donna al pronto soccorso dell’Ospedale dei bambini e la madre all’ospedale Civico. Il figlio più piccolo aveva ingerito il maggior quantitativo di zuppa ed era quello che rischiava la morte prima di tutti, i medici però sono stati in grado di somministrargli l’antidoto in tempo ed il piccolo, sebbene si trovi nel reparto rianimazione, non dovrebbe essere più in pericolo di vita. Il fratello maggiore, invece, sembra non aver ingerito un quantitativo sufficiente di zuppa per rischiare la vita, ma i medici lo tengono comunque sotto osservazione. Anche la donna si trova al reparto rianimazione dell’Ospedale civico, ma al momento non sono state condivise le sue condizioni.

Leggi anche -> Terni, arrestata la madre del neonato abbandonato e morto