CONDIVIDI
incendi in grecia
Incendio a Kineta, vicino ad Atene (VALERIE GACHE/AFP/Getty Images)

Incendi in Grecia: si aggrava il bilancio dei roghi vicino ad Atene, con oltre 50 morti. Indicazioni dalla Farnesina per gli italiani.

Che la situazione fosse molto grave nelle zone intorno ad Atene dove il 23 luglio sono scoppiati violenti incendi si era capito subito, nessuno però si sarebbe aspettato un bilancio così tragico: oltre 50 persone sono morte. Gli ultimi aggiornamenti.

Incendi in Grecia: si aggrava il bilancio, oltre 50 morti

Mentre il cielo su Atene si tingeva di un arancio spettrale, il 23 luglio diversi incendi divampavano nei dintorni della capitale della Grecia, sia nella zona a est che in quella ad ovest. Purtroppo diverse persone sono rimaste in trappola e non ce l’hanno fatta.

incendi in grecia
Il cielo arancio e plumbeo per il fumo degli incendi sopra l’Acropoli di Atene e il Partenone (ANGELOS TZORTZINIS/AFP/Getty Images)

Le fiamme sono divampate nei pressi della località balneare di Kineta, 55 chilometri a ovest di Atene, nella foresta sul Monte Gerania,. Qui le fiamme sono arrivate fino all’autostrada costiera e diverse case sono state distrutte. La situazione più grave, tuttavia, è nella zona ad est di Atene, più vicina alla capitale, dove si sono sviluppati due violenti fronti di fuoco tra le località di Penteli e Rafina. Qui, purtroppo, le fiamme hanno completamente investito la località balneare di Mati, sopra Rafina, dove molti turisti sono rimasti intrappolati sulle spiagge, tra il mare e il fronte di fuoco che si avvicinava. In molti, ricoperti dalla fuliggine, sono stati salvati dalle motovedette della Guardia Costiera  e da navi militari che li hanno evacuati dalle spiagge via mare. Non tutti però ce l’hanno fatta.

incendi in grecia
Incendio a Rafina, vicino ad Atene (ANGELOS TZORTZINIS/AFP/Getty Images)

Il villaggio turistico di Mati, a circa 40 chilometri da Atene, è stato il più gravemente colpito dalle fiamme. Qui interi quartieri di case e automobili in sosta sono andate completamente distrutte e purtroppo si è registrato un pesantissimo bilancio di vittime. I corpi di persone carbonizzate sono stati rinvenuti nelle case o in auto, sorpresi dall’incendio prima che potessero salvarsi. Nel giardino di una villa di Mati sono stati rinvenuti i corpi carbonizzati di 26 persone. Nelle vicinanze della spiaggia di Argyri, sempre nella zona di Mati, alcune persone sono state trovate prive di vita abbracciate, facevano parte di un gruppo, compresi alcuni bambini, ritrovato a poche decine di metri dalla spiaggia, nei pressi di un ristorante molto frequentato. Sono stati travolti tutti dalle fiamme a pochi passi dalla salvezza. Nella stessa zona decine di automobili sono rimaste carbonizzate.

incendi in grecia
Auto carbonizzate a Mati, vicino Atene (ANGELOS TZORTZINIS/AFP/Getty Images)

Il villaggio di Mati non esiste più ha detto una donna sopravvissuta agli incendi. “Ho visto cadaveri, auto bruciate, mi sento fortunata ad essere viva. Mati non esiste nemmeno più come insediamento”, ha raccontato la testimone alla tv greca Skai.

Incendi in Grecia: le vittime

Il bilancio complessivo, anche se non ancora confermato, sarebbe di oltre 50 morti, forse 54, e oltre 150 feriti, tra cui decine di bambini e almeno 11 feriti in gravi condizioni. Ha segnalato il portavoce del governo, Dimitris Tzanakopoulos.

Non si hanno notizie di italiani tra le possibili vittime degli incendi. Nel frattempo la Farnesina ha emesso il seguente avviso per tutti i connazionali che si trovano nelle zone colpite.

“Diversi incendi sono divampati nei pressi di Corinto e nelle zone a nord est e nord ovest della capitale estendendosi rapidamente a causa dei forti venti. Alcune aree residenziali sono state evacuate e la strada nazionale Atene-Corinto-Patrasso chiusa al traffico. Potrebbero verificarsi interruzioni alla fornitura di corrente elettrica.
Si consiglia particolare cautela nelle zone interessate, di mantenersi informati sui media sugli sviluppi della situazione (consultando anche il sito www.civilprotection.gr/en/forest-fires) e di seguire le indicazioni delle Autorità locali. È attivo il numero delle emergenze della Cancelleria Consolare dell’Ambasciata d’Italia (+30 693/2204060)”.

Le autorità di Atene hanno dichiarato lo stato di emergenza e chiesto aiuto all’Unione Europea. Due camion e due canadair sono stati inviati da Cipro e Spagna. Altri mezzi di soccorso arriveranno da Francia, Italia, Germania e Polonia.

I vigili del fuoco fanno sapere che ci sono ancora tre incendi in corso nella regione dell’Attica, ma altri stanno minacciando anche altre zone del Paese, in particolare a Corinto, nel Peloponneso e nell’isola di Creta. A complicare il già difficile lavoro dei vigili del fuoco c’è il forte vento.

L’ultima volta che la Grecia ha dovuto affrontare una simile devastazione è stato nell’agosto del 2007, quando gli incendi distrussero la penisola meridionale del Peloponneso.

Mappa della località di Mati, sopra Refina

Leggi anche –> Allarme incendi in Svezia: caldo record, 34° al Circolo Polare Artico (FOTO&VIDEO)

A cura di Valeria Bellagamba