CONDIVIDI

meteo luglio 2018

Le previsioni meteo: da lunedì 23 luglio estate in stand-by. Attesi temporali e calo delle temperature. Ecco per quanto

Italia divisa in due in questo weekend di luglio 2018. Mentre il Centro e il Sud provati dal solleone dell’anticiclone africano invidiano il Nord fresco e bagnato dai temporali, al Nord fra grandine e e forti venti invidiano l’estate del Centro Sud. Ma lunedì 23 si potrà mettere fine a tutte le invidie. Tutta Italia infatti sarà sotto lo scacco dell’aria fresca scandinava.

Al Nord fra venerdì e la mattinata di sabato 21 luglio si sono registrati violenti temporali e anche nubifragi. Nella zona di Asti in Piemonte alberi sradicati per il forte vento e oltre 100ml di pioggia caduta in poche ore. Danni anche ad abitazioni con tetti divelti. Al Sud invece continua il gran caldo con picchi nelle zone interne delle isole maggiori fino a quasi 40 gradi.

Italia quindi divisa in due con piogge e grandinate attese su tutto il Nord nella giornata di sabato, mentre domenica sarà colpito più il Nord Est in particolare il Friuli Venezia Giulia. Al Sud e al Centro invece è previsto bel tempo con qualche annuvolamento e possibile piovasco sulle Marche e l’Alta Toscana. Notevole anche il divario termico: in Friuli Venezia Giulia durante i temporali la massima sarà di 19 gradi; in Sicilia al Sud si arriverà a 41 gradi nelle zone interne.
Il caldo la farà da padrone ovunque e anche l’afa: 33 gradi a Roma e Napoli, 36 a Bari, 38 sulla Puglia.

Leggi anche-> Meteo agosto 2018: quando farà più caldo

Lunedì 23 luglio: temporali su tutta Italia

Il divario fra Nord e Sud che sarà evidente nel weekend verrà annullato lunedì 23 luglio quando aria fresca dalla Norvegia entrerà dalla Porta di Bora portando temporali e fresco su tutta la Penisola. L’anticiclone africano non resisterà alla spinta dell’aria scandinava che scenderà lungo lo Stivale portando atteso refrigerio al Centro e al Sud.

A farne le spese di questa ondata fresca saranno dapprima le regioni nord orientali, poi l’Emilia Romagna, la Toscana, l’Umbria, le Marche, l’Abruzzo, il Lazio poi via via il Sud con la Puglia, la Campania dove sono previste grandinate poi Basilicata e Calabria. Non dovrebbero esserci precipitazioni in Sardegna e in Sicilia, ma ci sarà un’aria più fresca con la tramontana che darà tutto un altro sapore a quest’estate.

Dopo questo schiaffo termico l’ondata d’aria fresca diminuirà e già da martedì più sole e temperature in rialzo. La situazione si manterrà però ancora instabile con possibili acquazzoni a macchia di leopardo, ma valori termici intorno ai 30 gradi in tutta Italia.