CONDIVIDI
spiaggia-nera-calabria-cala-jannita-grotta-sciabella
iStock

Decidere di andare in vacanza in questa estate 2018 in Calabria significa concedersi un periodo di pausa e di relax dallo stress quotidiano e dalla routine tra casa e ufficio che ci può dare nuova energia e nuovo vigore. Una vacanza in Calabria è sinonimo di un tour tra un patrimonio artistico e culturale mozzafiato, ma soprattutto spiagge e mare da sogno. Sono tantissime le spiagge della Calabria nascoste, con acqua bassa, con un mare cristallino, più o meno ventose… una per ogni gusto, ma questa volta vogliamo parlare di una delle spiagge più particolari della Calabria ossia la spiaggia nera.

Spiaggia Nera Calabria: Cala Jannita

Siamo Marina di Maratea, chiamata dalla gente del posto solo Marina. Si tratta della frazione comunale di Maratea più grande e sorge lungo il lato tirrenico a ridosso del Monte Serra, a sud del Golfo di Policastro. In questa particolare zona a Marina di Maratea ci sono tantissime spiagge, una più bella dell’altra come:Illicini che è una spiaggia molto sassosa, Calavecchia, Calagrande una spiaggia enorme incastonata tra una costa molto rocciosa, Scala Santa Teresa ,Porticeddu, Ricciulillo l’Abissu, ‘mpedi ‘u Citru.

Tra queste però merita una menzione particolare la spiaggia di Cala Jannita. Questa spiaggia viene chiamata anche spiaggia nera perché la sua sabbia ha questo colore molto scuro. Altro nome con cui viene chiamata questa spiaggia è la spiaggia dell’Isolotto di Santojanni che si trova proprio di fronte. Ma, come dicevamo, la caratteristica che la rende in assoluto così affascinante è la colorazione della sua sabbia. Perché è nera? Semplice in realtà, è una sabbia di origine vulcanica. Ma ciò che la rende speciale, oltre alla questa particolare tonalità, è anche il fatto che la spiaggia è avvolta in una vegetazione fittissima e sembra quasi una sorta di angolo naturale perfetto per chi vuole rilassarsi e trovare un po’ di pace.

Calabria: la Grotta della Sciabella

Dalla spiaggia nera si può poi fare un giro a visitare la Grotta della Sciabella che, a sua volta, continua all’interno in un’altra piccola spiaggetta e qui le leggende popolari su questa particolare mini spiaggia nascosta sono tantissime. Ad esempio si dice che una donna di nome Isabella che tradiva il marito e usava proprio questa grotta per incontrarsi con i suoi numerosi amanti, venne scoperta dal marito che, alla fine, la uccise e la fece precipitare proprio dal buco che si trova sopra la volta della Grotta dove lei si vedeva con i suoi amanti.