CONDIVIDI
Thailandia
(Linh Pham/Getty Images)

La luce in fondo al tunnel: salvati tutti i 12 ragazzi intrappolati in Thailandia, adesso nella grotta resta soltanto l’allenatore 

Finalmente l’incubo sta per finire. I 12 ragazzi intrappolati nella grotta in Thailandia sono stati tutti liberati ed ora manca l’ultima persona da salvare per chiudere definitivamente questa brutta storia, che ha tenuto incollato tutto il mondo alla Thailandia per 17 lunghissimi e drammatici giorni. Secondo quanto riportano i media locali, anche il dodicesimo ragazzo è stato fatto uscire dalla grotta di Tham Luang, dove era intrappolato da quasi un mese insieme a tutti i suoi giovani compagni di squadra e al loro allenatore. Ed è proprio il coach l’ultimo rimasto all’interno della grotta, l’ultima persona da salvare. Quando sembrava davvero tutto perduto, alla fine la decisione di tirar fuori tutti i piccoli “Cinghiali” del team thailandese di calcio con una manovra un po’ rischiosa si è rivelata redditizia. E pian piano sono usciti tutti i ragazzi, pronti a riabbracciare i loro cari che ormai erano davvero disperati per quella che sarebbe potuta essere la loro sorte.

Thailandia, salvati i ragazzi nella grotta: in mattinata il più piccolo

La giornata di oggi è stata davvero quella più importante di tutte, per i ragazzini intrappolati nella grotta in Thailandia insieme con il loro allenatore. In giornata sono stati tirati fuori i 4 ragazzi rimasti, compreso il più piccolo della compagnia, un coraggiosissimo bambino di 11 anni che è rimasto fino all’ultimo insieme alla sua squadra, uscendo addirittura da penultimo del gruppo di giovani calciatori. Adesso si attende soltanto il salvataggio del loro allenatore e poi questa storia diventerà soltanto un brutto ricordo per tutti. Una tragedia sfiorata, anche se comunque una persona che ha perso la vita – è bene ricordarlo – c’è stata comunque: si tratta del sub morto per carenza di ossigeno nel corso delle prime operazioni di salvataggio, in un momento in cui c’era tanta confusione e non si sapeva che fare. Purtroppo a rimetterci la vita è stato lui, ma a posteriori è stato un sacrificio eroico, che è stato importante per salvare 12 giovani vite umane, in attesa che venga salvato anche il tredicesimo uomo.