CONDIVIDI
primavera 2018 meteo
Getty Images

Meteo luglio 2018 arriva l’anticiclone africano Caronte. Temperature bollenti in tutta Italia. Ecco fino a quando

Più volte nel corso degli ultimi mesi gli esperti del meteo ci hanno ripetuto che l’estate 2018 sarebbe stata più fresca di quella del 2017. Ed il tempo che finora ci è stato ce lo ha confermato. Ma da domani, domenica 1 luglio, ci verrà più di qualche dubbio sulla veridicità delle affermazioni dei meteorologi. Già perché l’arrivo dell‘anticiclone africano – che già da oggi sabato 30 giugno ha fatto sentire la sua presenza – farà volare le temperature rendendo l’aria bollente.

Ma quest’ondata di caldo, rinominata Caronte, durerà solo qualche giorno. Dopo di che il tempo cambierà completamente e ci accorgeremo che i meteorologi avevano ragione e che quest’estate è davvero capricciosa e fortunatamente meno calda di quella dello scorso anno.

Leggi anche -> Estate 2018, perché sarà meno calda del 2017

Leggi anche -> Meteo luglio 2018: quali saranno i periodi più caldi

Arriva Caronte dal 1 luglio: temperature attese e quanto resterà

L’Anticiclone africano presente stabilmente sulla fascia Sahariana ciclicamente si espande coinvolgendo gran parte del Mediterraneo. Come sempre più spesso succede l’Italia sarà così interessata da quest’ondata di caldo intenso e si innalzerà da Nord a Sud la colonnina di mercurio. Da sabato 30 giugno e ancora più segnatamente da domenica 1 luglio le temperature diventeranno bollenti ed il sole splenderà ovunque.

Al Nord le massime saranno di poco superiore ai 30 gradi, qualcosa in più nelle zone meno ventilate, come nelle grandi città: 35 gradi a Bologna e Firenze e nella Pianura Padana. Intorno ai 33 gradi a Roma, meglio al Sud nelle zone costiere, peggio in quelle interne dove le temperature toccheranno anche i 37 gradi. Anche le notti potrebbero essere piuttosto calde con valori intorno ai 20 gradi.

Questa situazione subirà il primo attacco martedì 3 luglio quando una perturbazione atlantica entrerà al Nord Italia. Temporali e piogge cacceranno via l’anticiclone dalle regioni settentrionali. Mentre al Centro e al Sud resisterà qualche giorno in più salvo doversi battere in ritirata verso il 7 luglio. Ma nel frattempo nei valori minimi l’aria si sarà fatta un po’ più mite.

Sul finire della prossima settimana avremo quindi un netto capovolgimento di fronte con temperature che si abbasseranno e cielo molto perturbato. E sarà proprio la netta alternanza fra caldo e freddo a dar luogo a violenti temporali la prossima settimana.