CONDIVIDI
Rita Pavone
Rita Pavone (Getty Images)

Si rivede Rita Pavone, ospite a Balalaika su Canale 5: ecco i retroscena che ha raccontato

“Perché perché la Domenica mi lasci sempre sola”. Tutti, grandi e piccini, abbiamo cantato almeno una volta questa bellissima canzone dedicata al calcio. Una canzone che ha un nome e un cognome: Rita Pavone. Un’icona della musica italiana, che ormai ha superato i 70 ed è uscita un po’ dalla scena musicale, però è sempre bella da rivedere e da risentire. E a Balalaika, il programma che Canale 5 sta trasmettendo dopo la partita serale del Mondiale, Rita Pavone è stata ospite esibendosi nel suo successo e mettendo in mostra una forma smagliante, davvero impressionante: “Cantare è il mestiere che volevo fare e che adoro fare mi ha sempre gratificato, sempre”, ha raccontato Rita, che ha svelato qualche piccolo retroscena sulla sua carriera e anche sulla sua passione per il calcio: “Io sono juventina, mio marito Ferruccio (Teddy Reno, ndr) è della Triestina. Io ho seguito la passione di papà. Per chi tifo in questo Mondiale? Mi piace molto il Brasile, ma tengo molto alla Svizzera. Ci sono squadre a cui ti affezioni perché ci sono stati grandi nomi che le rappresentano da sempre. Per questo tifo anche Argentina, perché Maradona è Maradona, resterà sempre impareggiabile”.

Leggi anche — > Paola Ferrari, attacco durissimo a Ilary Blasi e Nicola Savino

Rita Pavone a Balalaika: cosa ha raccontato la cantante

Rita Pavone
Rita Pavone (Getty Images)

Ad un certo punto dell’intervista, Ilary Blasi mostra a Rita Pavone una foto con Ed Sullivan, e lei prende a raccontare: “Ho fatto una puntata con lui, Ella Fitzgerald e Duke Ellington, e mi ha presentato in trasmissione facendomi avere un grande successo. Avevo 19 anni e in America ero molto conosciuta, ci sarei rimasta volentieri per il modo in cui gli americani lavorano”. Ma a quale luogo oltre all’Italia è più legata? Rita Pavone risponde così: “Dopo l’Italia sicuramente è in Sudamerica che ho avuto più successo, soprattutto in Brasile. ‘Datemi un martello’ era una specie di inno per loro, gli bastava sentire l’avvio che subito partivano tutti a ballare. Quando sono arrivata in Brasile non mi aspettavo la popolarità che avevo, è stato incredibile”. E per finire una chicca sulla sua chiacchierata amicizia con un’altra icona della musica italiana: “Con Gianni Morandi non c’è mai stato nulla se non una grande amicizia. Ancora oggi ci vogliamo molto bene, c’è sempre stato un grandissimo rapporto fra due grandi amici e niente di più”.