CONDIVIDI
furgone travolge la folla
Il furgone che ha travolto la folla a Toronto (Cole Burston/Getty Images)

Furgone travolge la folla a Toronto in una zona pedonale: ci sono morti e feriti. Scatta l’allarme terrorismo.

Un altro episodio di un furgone che travolge la folla inerme. Questa volta è accaduto a Toronto in Canada, proprio quando in città era in corso il G7 degli Ministri degli Esteri, a cui partecipa anche il ministro Angelino Alfano.

Furgone travolge la folla a Toronto

Il fatto è avvenuto alle alle 13.30 ora locale (le 19.30 italiane), in una zona a Nord di Toronto, su un marciapiede tra Yonge Street e Finch Avenue, ad una trentina di chilometri dal centro della città canadese.

Nell’investimento sono morte 9 persone, mentre 16 sono i feriti di cui 5 sono in gravi condizioni.

L’autista del furgone è stato arrestato dalla polizia dopo una breve fuga. Non si conoscono ancora i motivi del gesto. In Canada scatta l’allarme terrorismo.

Anche se è ancora presto per stabilire se si sia trattato di un caso di terrorismo internazionale come abbiamo imparato purtroppo a conoscere, è certo che si sia trattato di un atto deliberato, come hanno confermato gli investigatori e i testimoni che hanno assistito all’investimento.

Secondo una prima ricostruzione, il furgone bianco ha improvvisamente superato la barriera che separa la strada dall’area pedonale di una delle vie più affollare di Toronto e ha travolto le persone sul marciapiede. Il guidatore ha guidato dritto per 800-1600 metri colpendo le persone una ad una, ha riferito un testimone alla Cnn, come riporta l’agenzia Ansa.

Stando a quanto hanno riferito i testimoni, dopo aver travolto i pedoni l’uomo è fuggito e poi avrebbe estratto una pistola una volta raggiunto e circondato dalla polizia. “Uccidetemi! Sparatemi alla testa”, avrebbe gridato l’uomo. Poi è stato arrestato, senza che sparare alcun colpo, come ha precisato la polizia di Toronto su Twitter, riferendo che “non ci sono stati spari”.

“Stiamo ancora raccogliendo informazioni e appena possibile le condivideremo con i canadesi”, è stato l’intervento del premier canadese Justin Trudeau. Da parte delle autorità c’è molta prudenza nel definire l’attacco.

L’investitore è stato poi identificato, si tratta di un giovane di 25 anni di origini armene. Si chiama Alek Minassian ed è uno studente di origine armena del Seneca College di Toronto, secondo quanto riporta la Cbs. Minassian era già conosciuto alle e avrebbe ricercato sul web notizie sulla strage del 2014 di Isla Vista, in California, quando un ragazzo di 22 anni investì e uccise 6 persone.

L’arresto dell’investitore nel video Toronto Star

Il furgone che ha investito i pedoni a Toronto è di colore bianco. Un particolare inquietante che ci rimanda all’attentato di Nizza, anche se in quel caso si trattò di un tir e il bilancio fu molto più pesante.

Un episodio analogo a quello di Toronto era accaduto a New York lo scorso 31 ottobre quando sempre un furgone piombò sulla folla, travolgendo un gruppo di ciclisti e provocando 8 morti e 15 feriti. L’attentato è stato ribattezzato la strage di Halloween.

Un altro investimento deliberato con furgone era avvenuto a inizio aprile in Germania, nel centro storico della città di Münster, quando il veicolo aveva centrato in pieno le persone sedute ai tavolini di un caffè all’aperto in una bella giornata di primavera. In quel caso, tuttavia, si trattò dell’opera di un cittadino tedesco con problemi psichici. Non che l’episodio sia meno grave, ma non rientra negli attacchi terroristici veri e propri. In questi caso l’investitore si suicidò.