CONDIVIDI
migliori aeroporti
(ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Migliori aeroporti al mondo, redatta la speciale classifica e c’è una sorpresa: nella top ten c’è Roma Fiumicino, vince Singapore, seguito da Zurigo e Istanbul.

Un aeroporto italiano tra i primi dieci al mondo: si tratta dello scalo di Roma Fiumicino e per l’aeroporto romano è la prima volta. Lo ha stabilito una classifica stilata sulla base delle recensioni di circa 50.000 viaggiatori. A curarla è stata eDreams, l’agenzia di viaggi online leader in Europa, nella ottava edizione dell’indagine “Migliori Aeroporti del mondo”. Roma Fiumicino si trova al nono posto in una speciale classifica che è stata vinta dallo scalo di Changi airport di Singapore, seguito da quello di Zurigo. Piazza d’onore per l’aeroporto Atatürk di Istanbul. L’indagine in base alla quale è stata poi stilata la classifica tiene conto di questi fattori: offerta di negozi, punti ristoro e comfort delle sale d’attesa.

Leggi la classifica redatta da Air Help –>

Perché Singapore è il miglior aeroporto al mondo

Il campione di circa 50mila viaggiatori è indicativo di un traffico annuale che supera i nove milioni di persone. I viaggiatori interpellati per redigere le recensioni e stabilire la classifica generale hanno dovuto anche dare un punteggio da uno a cinque riguardo ad alcune categorie. Si tratta dell’offerta di spazi commerciali, ristoranti e sale d’attesa. L’aeroporto di Singapore – Changi ha ottenuto un punteggio medio di 4,46 su un massimo di 5. Come noto, lo scalo del Paese del Sud est asiatico è un vero fiore all’occhiello, grazie ai suoi interni lussuosi. L’attesa per l’imbarco passa in fretta grazie a una piscina aperta h24, una sala cinema gratuita e giardini molto ben curati per via della presenza di orchidee e di una nutrita colonia di farfalle. Costruita all’interno dello scalo anche una serra con piante e alberi ad alto fusto e una cascata alimentata ad acqua piovana. Anche in virtù di questo, lo scalo di Singapore ha stracciato la concorrenza, se si pensa che l’aeroporto di Zurigo ha ottenuto un punteggio medio di 4,17, quello di Istanbul di 4,16 e la classifica è comunque corta. Fiumicino ha guadagnato diverse posizioni rispetto all’anno precedente e ha un punteggio medio di 3,96. Lo segue l’aeroporto di Londra Heathrow. Completano la graduatoria, dal quarto al decimo posto, nell’ordine: Copenhagen (4,13), Monaco di Baviera (4,11), Düsseldorf (4,03), Francoforte (4,01) e Madrid-Barajas (3,98).

Aeroporti: i migliori e i peggiori per categoria

Per Roma-Fiumicino è un traguardo importante, se si pensa che per ben tre volte si è classificato tra gli scali peggiori e appena nel 2015 ha ottenuto solo 3,34 punti. Successivamente è stato oggetto di un piano di ammodernamenti e migliorie, il che fa ben sperare anche per il futuro. In particolare, ha permesso di fare il salto di qualità la nuova area internazionale, l’imbarco E, inaugurato a fine 2016. Qui si trovano un innovativo molo per i voli e un’esclusiva galleria per lo shopping, che sono considerati altamente all’avanguardia. Nelle classifiche parziali, l’aeroporto di Singapore-Changi, oltre a essere vincitore assoluto, è anche il miglior scalo dove fare shopping prima di ripartire, seguito da quello di Monaco. Zurigo risulta il miglior scalo per rilassarsi, con una sala d’attesa davvero confortevole. La miglior offerta culinaria la offre invece l’aeroporto di Bogotà-El Dorado, seguito da quello di Zurigo e dallo scalo di Madrid-Barajas. La classifica propone anche gli scali peggiori e a “spuntarla” è l’aeroporto di Casablanca Muhammad V. Nota stonata per l’Italia: al penultimo posto c’è l’altro scalo romano, quello di Ciampino. Migliora lo scalo berlinese di Schönefeld, che passa dall’ultimo al quart’ultimo posto. Male ma anche in questo caso meglio dello scorso anno lo scalo londinese di Luton, passato dall’essere il secondo peggior aeroporto al quinto posto tra i peggiori. Completa la top five dei peggiori l’Aeroporto di Tegel – Berlino, terz’ultimo. Per essere oggetto di analisi, gli aeroporti dovevano raggiungere un minimo di 150 recensioni.

A cura di Gabriele Mastroleo