Home News Morte Fabrizio Frizzi, l’Eredità di Rai Uno torna in tv con Carlo...

Morte Fabrizio Frizzi, l’Eredità di Rai Uno torna in tv con Carlo Conti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:47
CONDIVIDI

L’Eredità lo storico quiz preserale di Rai Uno che era condotto da Fabrizio Frizzi passa ora a Carlo Conti

Forse c’era bisogno di una pausa perché vedere qualcun’altro lì dove doveva stare Fabrizio Frizzi farà male a tutti i telespettatori. Ma se non era impossibile interrompere l’unico che poteva prendere questo incarico era chi già al timone di quella barca c’era stato, colui che può gestire una così pesante ‘eredità, Carlo Conti.

Il conduttore toscano infatti prese il posto di Frizzi dopo il malore del 24 ottobre scorso e fu lui a riconsegnarli le chiavi del programma quando Frizzi tornò a condurre il quiz a dicembre. In quell’occasione il pubblico dell?eredità gridava ‘Fabrizio! Fabrizio!’ e Frizzi commentò ‘Mamma mia, che emozione!’. Questa volta non ci sarà nessuna staffetta da fare per Carlo Conti e sarà un’impresa difficile sedersi lì senza sentire forte quella assenza.

Intanto però la Rai si è presa del tempo. Fino al 2 aprile sul canale ammiraglia della Rai andrà in onda ‘Techetechetè’ al posto del quiz preserale. L’Eredità dovrebbe tornare il 3 aprile con Carlo Conti alla conduzione. Ma il condizionale è d’obbligo perché la Rai potrebbe decidere di posticipare il ritorno del programma.

Leggi anche: I Funerali di Fabrizio Frizzi a Roma
Leggi anche: Il saluto di Insinna con una commovente poesia

CONDIVIDI
Articolo precedenteTributo a Fabrizio Frizzi de Le Iene, Video: emozione per Teo Mammucari
Articolo successivoScherzo Corinne Clery, Le Iene Show: capelli dritti per l’attrice!
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.