CONDIVIDI
Maria Elisabetta Casellati
Maria Elisabetta Casellati (screenshot Youtube)

Convergenza tra Movimento 5 Stelle e centrodestra al Senato: sarà Maria Elisabetta Casellati la nuova presidente, ufficialità pochi minuti fa.

Sarà Maria Elisabetta Alberti Casellati la nuova presidente del Senato. L’ufficialità è arrivata poco dopo le 13, quando a Palazzo Madama si è raggiunta la soglia dei voti necessari. La Casellati è la prima donna a ricoprire la seconda carica dello Stato. Il suo nome è servito a superare i veti incrociati della giornata di ieri. Dagli ambienti della Lega Nord fanno sapere: “È stato Silvio Berlusconi a fare il nome di Casellati: non è una vittoria della Lega ma di tutto il centrodestra che ne esce rafforzato”. Ieri, c’era stato il “blitz” della Lega Nord, che contrariamente agli accordi di coalizione aveva votato per Anna Maria Bernini di Forza Italia, un voto che Silvio Berlusconi ha descritto come “un atto di ostilità a freddo”. Per l’ex premier, quei voti “rompono l’unità della coalizione del centrodestra e smascherano il progetto per un governo Lega-M5S”. La stessa Bernini aveva poi fatto un deciso passo indietro. Il nome della Casellati è stato invece il punto di raccordo del vertice della mattinata a Palazzo Grazioli.

Per approfondire leggi –>

Chi è Maria Elisabetta Casellati

Che si potesse giungere a un accordo su una figura femminile per la seconda carica dello Stato sembrava ovvio fin da ieri quando Luigi Di Maio aveva detto che andavano bene la Bernini o “un profilo simile”. Dopo le 10.30, sono iniziate le operazioni di voto per il terzo scrutinio a Palazzo Madama, dove conta la maggioranza assoluta dell’Aula, escluse dunque eventuali assenze, ma comprese le schede bianche e nulle. Se i numeri avessero continuato a non esserci, decisivo sarebbe stato il quarto scrutinio col ballottaggio i due candidati più votati al terzo scrutinio. In caso di parità, sarebbe stato eletto presidente il senatore più anziano. I numeri per l’elezione di Maria Elisabetta Alberti Casellati al terzo scrutinio si sono però ampiamente trovati sull’asse centrodestra-Movimento 5 Stelle. Peraltro, l’avvocato ed esponente di Forza Italia è un nome che circolava come papabile già nei giorni scorsi. Classe 1946, la seconda carica dello Stato in pectore è stata eletta per la prima volta senatrice nel 1994, per la XII Legislatura. Successivamente è stata riconfermata dal 2001 in poi in tutte le elezioni, quindi è una delle senatrici più longeve. Inoltre, ha ricoperto più volte la carica di sottosegretario, due volte alla Salute e una volta alla Giustizia, dei governi Berlusconi. Il 21 marzo 2013 è eletta nel Consiglio di Presidenza del Senato della Repubblica come Segretario d’Aula. Poi, dal 15 settembre 2014 viene eletta dal Parlamento in seduta comune con 489 voti membro del Consiglio Superiore della Magistratura in quota Forza Italia. La Casellati sarà la prima presidente del Senato donna della storia repubblicana. La sua elezione è stata anticipata di qualche minuto da quella di Roberto Fico, nella scorsa legislatura presidente della Commissione parlamentare di vigilanza sulla Rai, alla presidenza della Camera dei Deputati.

Leggi anche –> Camera dei deputati: accordo per Roberto Fico nuovo presidente

A cura di Gabriele Mastroleo