CONDIVIDI

Renzi, governo 5 Stelle o Lega?: “Noi mai con gli estremisti”. Il Partito Democratico non farà mai alleanze con Salvini o Di Maio. 

Renzi
(ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Sono queste le dure parole pronunciate da Matteo Renzi, il segretario dimissionario del Partito Democratico. L’ex presidente del Consiglio, che ha deciso di dimettersi ma solo dopo la formazione del nuovo governo, non ha usato molti giri di parole per esprimere la sua posizione che sappiamo non essere condivisa da tutti i componenti del Pd.

Renzi: “Non ho rimpianti, verrà riconosciuto il mio lavoro”

Le dichiarazioni di Renzi rilasciate al Corriere della Sera partono dall’analisi sul lavoro fatto e sulle conseguenze della sconfitta elettorale: “Il mio ciclo alla guida del Pd si è chiuso. Sono stati 4 anni difficili ma belli. Abbiamo fatto uscire l’Italia dalla crisi. Quando finirà la campagna di odio tanti riconosceranno i risultati. Ma la sconfitta impone di voltare pagina. Tocca ad altri. Io darò una mano: noi non siamo quelli non che scendono dal carro, semplicemente perché il carro lo hanno sempre spinto. Continuerò a farlo con il sorriso: non ho rimpianti, non ho rancori”.

Renzi: “Mai con Lega o 5 Stelle, sono estremisti”

Poi la stoccata e la chiusura a possibili alleanze: “Non esiste governo guidato dai 5 Stelle che possa ottenere il via libera del Pd. Non è un problema di odio che i grillini hanno seminato. E non è solo un problema di matematica, visto che i numeri non ci sono o sarebbero risicatissimi. I grillini sono un’esperienza politica radicalmente diversa da noi. Lo sono sui valori, sulla democrazia interna, sui vaccini, sull’Europa, sul concetto di lavoro e assistenzialismo, di giustizia e giustizialismo. Abbiamo detto che non avremmo mai fatto il governo con gli estremisti, e per noi sono estremisti sia i 5 Stelle che la Lega. L’unico modo che hanno per fare un governo è mettersi insieme, se vogliono.

Renzi: “Lega e 5 Stelle? Hanno un programma comune”

L’ex premier prosegue: “Hanno il diritto e forse il dovere di provarci. I sovranisti hanno lo stesso programma su vaccini, Europa, immigrazione, burocrazia, tasse. Facciano il loro governo, se ci riescono. Altrimenti dichiarino il loro fallimento. Noi non faremo da stampella a nessuno e staremo dove ci hanno messo i cittadini: all’opposizione. Noi purtroppo – conclude Renzi – siamo il quarto gruppo parlamentare, non più il primo: gli appelli alla responsabilità sono sempre utili, ma si rivolgono soprattutto ai gruppi più grandi”.

A cura di Francesco Baglio