CONDIVIDI
(screenshot video)

Il rientro di Nadia Toffa in televisione, nei giorni scorsi, non è stato indolore. La conduttrice ha infatti raccontato il suo dramma: “Ho avuto un Cancro, non l’ho detto a nessuno perché non volevo i fotografi, che per carità fanno il loro lavoro, fuori dall’ospedale. Quando ho avuto lo svenimento si sono accorti del tumore e mi hanno operato. Poi sono stata costretta a fare un ciclo di chemioterapia e radio perché dovevano essere sicuri che questo sarebbe stato definitivamente debellato”. La sua confessione aveva diviso il mondo del web, tra coloro che ne avevano apprezzato il coraggio e i tanti che avevano contestato la scelta di raccontare il suo dolore. Tra questi ultimi, c’è il giornalista Filippo Facci.

Nadia Toffa e la piccola Gabriella

(screenshot video)

Nelle scorse ore, infatti, il Consiglio comunale di Taranto ha approvato all’unanimità la mozione presentata dal consigliere Marco Nilo per il conferimento della cittadinanza onoraria di Taranto a Nadia Toffa. Il rapporto tra la conduttrice televisiva e la Città dei due Mari si è consolidato anche e soprattutto grazie alla battaglia comune portata avanti contro l’inquinamento ambientale. Proprio parlando della sua battaglia contro il cancro, Nadia Toffa ci ha tenuto a ringraziare una bambina di nome Gabriella, una delle vittime dell’Ilva di Taranto, malata di leucemia e costretta a studiare a casa con l’aiuto di un maestro privato. Era stata la trasmissione ‘Le Iene’ a raccontare lo scorso anno la vicenda della bambina. Gabriella era costretta ad andare presso l’ospedale di Bari, a 100 chilometri di distanza, per sottoporsi alle cure. Dopo il servizio realizzato da Nadia Toffa, era partita una raccolta fondi per autofinanziare l’assunzione di almeno un pediatra che possa operare nel reparto oncologico. Erano state realizzate anche delle t-shirt con la scritta ‘Ie Jesche Pacce Pe Te’. Nel giro di poco tempo, sono stati raccolti così oltre 300mila euro e ciò aveva permesso di realizzare il sogno di assumere ben due pediatri che a Taranto si occupassero dei piccoli malati oncologici.

La mozione per conferire la cittadinanza a Nadia Toffa

(Facebook)

Sintetizza il consigliere comunale Marco Nilo nella mozione approvata col sostegno di tutti: “La stampa nazionale ha dato risalto positivo alla campagna di vendita delle magliette ‘Ie Jesche Pacce Pe Te’ (proposta e realizzata dal gruppo ‘Amici del Mini Bar’) che, come è noto, ha unito i cittadini attorno al nobilissimo scopo della raccolta di fondi per la oncologia pediatrica, cercando di dare una speranza ai piccoli di Taranto e alle loro famiglie. Madrina di tale iniziativa è stata Nadia Toffa, che più volte si è occupata delle problematiche locali soprattutto connesse al problema ambientale dandone risalto a livello nazionale”.

 

A cura di Gabriele Mastroleo