CONDIVIDI

Tutti ne parlano ormai: il matrimonio tra Meghan Markle e il Principe Harry di Inghilterra, è uno degli eventi più attesi e chiacchierati dell’anno. Ma non solo. Tutto ciò che gira attorno a questa giovane coppia sta facendo discutere il Regno Unito e anche il mondo intero, a cominciare dalla location delle nozze scelta per pochi intimi, ma con uno spazio esterno riservato a chi vorrà assistere e applaudire gli sposi, passando poi per la vita di Meghan, attrice già precedentemente sposata e con vaghi parenti afro-americani. C’è chi dice che Meghan abbia voluto sposarsi con Harry non per amore, ma perchè è un’arrivista, chi invece sostiene che fra i due ci sia del vero amore.

La casa di Meghan è in vendita

Ora però a far discutere, in senso positivo almeno questa volta, è la casa dove viveva Meghan nei sobborghi di Toronto. Questa casa, anche se di per sè pare non aver nulla di particolare, cela un curioso caso: tra quelle mura si è consumata la storia d’amore tra lei e Harry. Già, perchè proprio quella casa avrebbe ospitato più e più volte Harry.

Nel complesso si tratta di una casa a due piani, in una zona tranquilla nei sobborghi di Toronto. L’abitazione era perfetta per Meghan che nelle immediate vicinanze girava la serie Suits. Per diversi anni quindi l’attrice ha vissuto qui e quando lei e Harry vivevano la loro storia d’amore a distanza, era proprio in quella casa che trascorrevano tempo insieme. La casa è munita di sala cinema, una cucina, tre camere da letto, due bagni. Tutta la casa è sulle tonalità del grigio, molto elegante.

Ora, come ovvio, Meghan si trasferisce a Kensigton Palace e la sua casa a Toronto torna in affitto. Il proprietario dell’abitazione, come ci si aspettava, ha deciso di aumentare di 500mila sterline il prezzo di vendita visto che qui si è consumato un amore reale.

Se qualcuno volesse solo dare un’occhiata agli interni non ha bisogno di volare a Toronto, online si trovano tutte le foto degli interni, basta andare su Twitter, così gli agenti immobiliari cercano di scoraggiare i perditempo che vengono qui solo per dare un’occhiata.