CONDIVIDI
(iStock)

Dopo aver passato un’estate boccheggiando per via del caldo record (vale sempre la pena ricordare che quella appena trascorsa è stata l’estate più calda degli ultimi 200 anni assieme a quella del 2003) ci si aspettava che l’autunno finalmente ci facesse riapprezzare i rigori del freddo. Ed in effetti settembre (e anche in questo caso vale la pena ricordare che non è stato un settembre qualsiasi, ma il più freddo degli ultimi 15 anni) ci aveva illuso che sarebbe stato così.

Invece puntualmente è arrivata la smentita. O meglio ottobre si sta comportando da tipico mese autunnale qual è: instabile e variabile. Quindi l’arrivo dell’anticiclone che farà alzare le temperature e porterà cielo soleggiato ovunque non deve più di tanto stupirci. E’ il tipico fenomeno delle ottobrate romane. Certo è che la colonnina di mercurio salirà un bel po’, forse un po’ troppo per essere ottobre, un po’ troppo per essere un ‘ottobrata’. Ci sono quindi buone possibilità che anche ottobre finisca sui libri con il record dell’ottobre più caldo degli ultimi (il numero di anni poi si vedrà).

Il weekend appena trascorso ha portato un abbassamento termico per via delle perturbazioni atlantiche e per via dei freschi venti di Tramontana. Nei valori minimi specialmente si è assistito ad una diminuzione, ma questo freddo è durato ben poco. Già da ieri infatti l’anticiclone è in marcia verso il nostro Paese e già sta facendo sentire i suoi effetti che si completeranno domani quando conquisterà pienamente il nostro Paese.

Temperature in rialzo sull’Italia

Per quanto ottobre sia un mese che ha sempre regalato giornate tiepide e soleggiate, il regalo che sta per farci – e che non piacerà a tutti – è di temperature anche 6 gradi maggiori della media del periodo. Questa variazione verso l’alto avverrà soprattutto nei valori massimi che potrebbero perfino, in alcune zone, raggiungere i 29 gradi!

Al Nord, che in questi giorni è stata la parte d’Italia più esposta al freddo, assisteremo ad un graduale aumento termico e il divario fra il prima ed il dopo sarà ancora più evidente. Addirittura sulle Valli del Trentino Alto Adige nei prossimi giorni sono attesi quasi 29 gradi. Sul resto del settentrione le massime saranno intorno ai 24 gradi e le minime intorno ai 14. Al Centro Sud 25/26 gradi di massima e fino a 16 gradi di minima.

Questa situazione così tiepida con valori tipicamente primaverili più che autunnali perdurerà sul nostro Paese almeno fino al 15 ottobre. Da quella data in poi l’anticiclone perderà progressivamente potere sotto la spinta di perturbazioni atlantiche.