ViaggiNews

Meteo, previsioni inverno 2017-18, sarà da record: gelo e neve in città

venerdì, 15 settembre 2017

neve freddo italia

Torna la neve in città (Photo by Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

L’estate 2017 sarà ricordata come la più calda degli ultimi due secoli e a quanto pare l’inverno 2018 non vuole essere da meno. Da giugno fino a fine agosto infatti il nostro Paese è stato invaso da ben sette anticicloni africani che hanno fatto schizzare in alto la colonnina di mercurio. Ma a rendere così speciale l’estate appena trascorsa – che ufficialmente terminerà il 21 settembre  – non sono state solo le temperature, ma è stato il perdurare del caldo, ovvero gli anticicloni hanno stazionato per molti giorni sull’Italia, e la loro frequenza è stata superiore a quella degli scorsi anni.  Il Sud Italia in questo weekend riassaporerà ancora il caldo torrido – sono previste massime di addirittura 37 gradi – ma ovunque ormai è l’autunno ad incombere (qui le previsioni per il weekend).

E come dicevamo a compensare il tanto caldo che abbiamo subito sarà il tanto freddo dei prossimi mesi. Essendo previsioni a lungo termine il rischio di errore è ovviamente elevato e gli esperti sono divisi. Da una parte infatti alcuni basandosi su modelli matematici azzardano previsioni a lungo termine e intravedono in situazioni già verificatesi delle conferme; altri ritengono impossibile fare previsioni affidabili a mesi di distanza ed hanno dalla loro anche modelli che smentiscono quelli dei diciamo così ‘allarmisti del freddo’.

Inverno 2017-2018: come sarà?

Per alcuni esperti del settore un inizio di settembre così segnatamente autunnale è un indizio affidabile per prevedere un inverno rigido. Per la fazione più assolutista sarà un inverno estremamente freddo con incursioni di aria polare sull’Italia che farà scendere le temperature sotto le medie diverse volte nel corso dei mesi. A farne particolarmente le spese saranno le regioni nord occidentali, poi quelle orientali e solo in parte quelle centrali, mentre quelle meridionali dovrebbero avere temperature in linea con il periodo.

Nella fase centrale dell’inverno avremo neve a bassa quota sulle pianure del Nord per l’arrivo di correnti umide. E dovrebbe essere proprio lo scontro fra il freddo proveniente dal Polo con le correnti umide provenienti dall’Atlantico a rendere questo inverno particolarmente nevoso.

Nella seconda parte dell’inverno in Italia arriverà l’aria fredda dalla Russia: niente neve, ma molto freddo. Più interessato il Nord ed il Centro, meno il Sud. Altri esperti del meteo sono meno propensi a considerare il fattore neve in quanto il nostro è un Paese Mediterraneo ed è estremamente rara la neve a bassa quota, mentre concordano con l’aria fredda polare che giungerà sul nostro Paese. In conclusione farà freddo, almeno in alcuni periodi. D’altronde è inverno, sarebbe strano il contrario!

Tags:

Altri Articoli Interessanti: