ViaggiNews

Guida Ajaccio: cosa fare e cosa vedere nel cuore della Corsica

martedì, 21 febbraio 2017

Ajaccio

iStock

Quando si pensa alla Corsica vengono in mente spiagge bellissime, serate illuminate dalla luna trascorse in romantici ristoranti a picco sul mare e immense strade da percorrere magari in moto, per una vacanza all’avventura.

Una meta interessante e assolutamente unica del vostro viaggio in Corisca è Ajaccio, capoluogo della regione e città che diede anche in natali a Napoleone Bonaparte. Si capisce subito infatti che questa città è ricca di storia e ha un passato piuttosto tormentato fatto di conquiste, guerre e continui cambi di dinastie al potere. La prima volta che i francesi occuparono Ajaccio fu nel 1553, ma è solo dal 1796 che questa città è ufficialmente di “proprietà” della Francia.

Cosa vedere e cosa fare ad Ajaccio

Ajaccio si trova in una posizione molto particolare e “perfetta” per i turisti: accoccolata sulla cost sud-occidentale il cuore pulsante della vita si snoda tra il porto, attivissimo e brulicante di pescatori, commercianti e turisti, e la piazza principale, Place Foch. Il giro alla scoperta di Ajaccio può partire da qui e possiamo iniziare a muovere i primi passi sulle orme del suo cittadino più prestigioso: Napoleone.  Place Foch è letteralmente “circondata” da caffè, bar, ristoranti, piccoli localini che animano la vita di Ajaccio anche la sera. Al centro della piazza si trova una statua di Napoleone.

Una delle prime bellezze che possiamo visitare è la Cattedrale di Nostra Signora della Misericordia dove venne battezzato Bonaparte nel 1771. Testimonianza di questo evento la possimo ritrovare nella scritta “Heic Baptisatus Imperator Magnus” incisa nella Chiesa. Ma questo luogo sacro è anche molto importante a livello artistico in quanto, al suo interno, troviamo un dipinto del pittore Delacroix “La Vergine del Sacro Cuore”.

iStock

Da qui ci spostiamo verso Rue St.Charles dove si trova la casa in cui è cresciuto Napoleone: la “Maison Bonaparte”. Tutta la struttura, visitabile come museo, è un inno al condottiero francese con ritratti, arazzi, e piccoli capolavori artistici collezionati dallo zio di Napoleone, il Cardinale Fesch. Voluto proprio dallo zio di Napoleone, tra l’altro, ad Ajaccio si trova l’omonimo “Museo Fesch” dove si trovano delle opere d’arte straordinarie italiane come quelle del Bernini, Tiziano, Perugino, Van Dyck… Costruito nel 1828 ha un patrimonio di oltre 16mila dipinti. Tornando alla casa natale di Napoleone invece, i più curiosi potranno poi salire al piano di sopra dell’abitazione e ammirare l’albero genalogico della famiglia Bonaparte fino al 1959.

Altro luogo molto interessante da visitare è la Cittadella sul lungomare di Ajaccio. Collocata dove un tempo sorgevano le fortificazioni cittadine, qui il panorama che si apre davanti agli occhi è stupendo. La Cittadella è composta da una torre, la più alta del castello, e una cinta muraria che si apre verso la spiaggia Saint-Francois.

Cosa vedere nei dintorni di Ajaccio: “Les Sanguinaires”

Spostandosi di poco dal centro di Ajaccio si possono visitare alcuni luoghi meravigliosi e unici a livello di bellezza e ricchezza naturale. Stiamo parlando delle Iles Sanguinaires: sono 4 isolette rosse come il sangue. Da qui il nome, “Sanguinaires”, ma l’origine di questo colore non è legato in alcun modo al sangue, si tratta del colore rosso delle rocce di porfido. Ma l’origine di questo nome si può collegare anche al colore rosso acceso dei fiori delle Frankenie che ricoprono le montagne, oppure, in modo un po’ più macabro, pare che nel passato qui arrivassero le “genti dal sangue nero”, pescatori africani chiamati sanguinari.

Le quattro isolette sono: Grande Sanguinaria (Mezzu Mare), Isolotto (Cormorani), Cala d’Alga e Porri. Sono difficili da raggiungere, ma si possono ammirare perfettamente, soprattutto al tramonto, da Pointe de la Parata, oppure si può intraprendere la “Route des Sanguinaires“, un po’ turistica, dove locali, bar e ristoranti si susseguono.

Sanguinary Islands

iStock

Cosa mangiare ad Ajaccio

Se volete unire al vostro viaggio nella storia e nelle bellezze naturali di Ajaccio anche un po’ di buona cucina, siete nel posto giusto. Vino di alta qualita, formaggio e pesce sono le specialità che troverete più spesso tra le proposte della cucina tipica locale.

Tra tutti bisogna assaggiare il Brocciu, un formaggio di capra, ma nei ristoranti non risparmiatevi e preparate il palato ad un’esplosione di sapore anche con piatti di mare: come il branzino con verdure, la trota fritta, aragoste e ricci di mare.

In conclusione poi, per quanto riguarda il dolce, il miele e le marmellate sono solitamente preparati in casa e hanno un sapore che riporta chiunque le assaggi, all’infanzia!

Quando andare ad Ajaccio

Per prima cosa sappiate che la Corsica, un po’ come la Sardegna, è molto ventosa. Per il resto il clima è Mediterraneo con temperature elevate d’estate, inverni miti, ma temperature che calano vertiginosamente man mano che ci si sposta nell’interno della Corsica. Qui, sulle montagne, se decidete di fare un’escursione portate sempre con voi un ombrello perchè non sono esclusi gli improvvisi temporali estivi. Al contrario, sulla costa, è difficile che piova. I mesi più a rischio sono quelli da ottobre e febraio, ma per quanto riguarda tutti gli altri mesi, visitare Ajaccio è un piacere!

Tags:

Altri Articoli Interessanti: