ViaggiNews

Bere il caffè in viaggio? Tutte le abitudini degli italiani all’estero

mercoledì, 9 novembre 2016

(THE BARISIEUR)

Il motore di ricerca viaggi KAYAK.it ha indagato le abitudini di consumo di caffè degli italiani, soprattutto in viaggio, per scoprire in quale regione del Paese è possibile gustare il migliore espresso e cosa cambia quando ci si trova lontano da casa

Partendo dalla quotidianità, la ricerca ha rivelato che normalmente  il 49% degli italiani beve più di due tazzine di espresso al giorno, contro meno del 3% che ammette di non berlo mai. Un’altra grande fetta di italiani (30%) si concede, invece, solo due caffè su base giornaliera. Tra chi cede una volta al giorno a questo sfizio, la colazione rappresenta il momento preferito (9%), mentre solo il 4% degli italiani sceglie la fine del pranzo per godersi la bevanda. Guardando alle differenze regionali, emerge chiaramente che i viaggiatori provenienti dal Sud Italia bevono più caffè: il 52% supera le due tazzine giornaliere.

Bere caffè in viaggio: cresce il consumo se si va in Italia, diminuisce all’estero

coffee-171653_640

Viaggiare nel Bel Paese sembra essere un fattore che influenza molto le abitudini di consumo di caffè. La media degli italiani che rinunciano completamente alla bevanda cala di quasi un punto percentuale (-0,8%) rispetto alla normalità della vita quotidiana, fanno eccezione gli abitanti del Nord Est (+0,4%). A sorpresa, il numero di chi si concede una sola tazzina lontano da casa cresce più del doppio: quasi un terzo degli italiani (30,8%) non ci rinuncia, in particolare le donne (31,8%). Cresce anche il numero di chi raggiunge le due tazzine (+2,6% di quando si è a casa), anche se si tende a non esagerare: scende infatti del 15,6% la percentuale di italiani che si concede l’oro nero più di due volte al giorno.

Quanti caffè bevono gli italiani in viaggio
In Italia
Due al giorno 34%
Più di due al giorno 34%
Solo uno al giorno 31%
Nessuno 2%
All’estero
Solo uno al giorno 42%
Nessuno 23%
Due al giorno 20%
Più di due al giorno 15%

 

Le ragioni che spingono a cambiare abitudini

Caffe (ThinkStock)

Caffe (ThinkStock)

Gli elementi che spingono maggiormente i viaggiatori italiani a ridurre il consumo di caffè lontano da casa sono il gusto e la qualità: il 55% sostiene, infatti, di faticare spesso a trovare l’espresso di proprio gusto, mentre il 54% afferma più patriotticamente che soprattutto all’estero questa bevanda non è buono come nel Bel Paese, arrivando in qualche caso a paragonarlo ad “acqua sporca dell’oceano”.

Diversamente, un maggior consumo di caffè durante i viaggi è riconducibile a un cambiamento dello stile di vita, spesso agli antipodi: il 45% degli italiani sostiene di aver più tempo a disposizione lontano da casa e di berne in maggiore quantità per rilassarsi e fare una pausa (percentuale che sale al 49% per le donne e addirittura al 53% per i viaggiatori provenienti dal Nord Ovest); diversamente, il 41% sostiene di essere molto più attivo durante i viaggi e di berne di più per trovare maggiori energie (vero in particolare per il 42% degli uomini e per il 55% dei turisti del centro Italia).

 

Perchè si beve meno caffè in viaggio
Non sempre si trova il caffè di proprio gusto 55%
All’estero il caffè non è buono come in Italia 54%
Non sempre si trova il caffè quando ci si trova all’estero 29%
Mentre si è in viaggio, soprattutto per piacere, si hanno abitudini differenti e si è più rilassati 22%
Quando ci si trova lontano da casa si ha meno tempo a disposizione 12%
Il caffè è più costoso 10%
Nelle altre regioni italiane il caffè non è buono come quello della propria regione di appartenenza 7%
Altro 1%

 

Tags:

Altri Articoli Interessanti: