Home News Meteo arriva il ciclone Poppea: allerta nubifragi

Meteo arriva il ciclone Poppea: allerta nubifragi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:07
CONDIVIDI

pioggia

E’ in arrivo il ciclone Poppea sull’Italia e porterà temporali e nubifragi su gran parte del nostro Paese, facendo trasformare questo maggio in un ottobre. Caleranno infatti anche le temperature, in alcuni casi quasi di 10 gradi, rendendo l’aria decisamente più fresca e frizzante.

Le prime avvisaglie di maltempo ci sono state ieri al Settentrione quando fronti perturbati sono arrivati sospinti dai venti di libeccio. Poppea ha fatto poi il suo ingresso interessando oltre al Nord anche il Centro e nella tarda serata di mercoledì e nella mattinata du giovedì anche il Sud.  Temporali molto forti e con rischio di nubifragi sono attesi su Liguria, Piemonte e Prealpi. Nella zona di Genova l’allerta è per la serata di mercoledì e la mattina di giovedì 12 maggio. Forte attenzione alla zona di Alessandria dove è alto il rischio allagamenti e nubifragi. Particolare cautela anche nell’Alta Toscana e nella Liguria di Levante. Precipitazioni molto intensi anche al Centro e al Sud. Attenzione su Roma che nella serata di mercoledì vedrà un consistente infittirsi della pioggia che potrebbe assumere carattere temporalesco.

Come dicevamo scenderanno anche le temperature soprattutto al Nord dove passeremo dai 20-24 gradi dei giorni scorsi ai 13-17, mentre al Sud lo sbalzo termico sarà inferiore. Il maltempo portato del Ciclone Poppea persisterà sull’Italia per qualche giorno, almeno fino a sabato 14 maggio, rendendo questo secondo weekend di maggio più autunnale che primaverile.

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteBollo auto: la sua eliminazione potrebbe costarci cara
Articolo successivoCinque vecchi cellulari che ora valgono una fortuna
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.